Giovedì, 19 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Lavrov a "Zona Bianca": "Zelensky metta fine alle ostilità. La guerra nucleare non avrebbe vincitori"
L'INTERVISTA

Lavrov a "Zona Bianca": "Zelensky metta fine alle ostilità. La guerra nucleare non avrebbe vincitori"

Sicilia, Mondo
Sergei Lavrov

«Una guerra nucleare non avrebbe vincitori, e quindi non ha senso parlarne». Lo ha detto questa sera il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, intervistato a Zona Bianca di Rete 4. Tuttavia, ha aggiunto, occorre «essere cauti, e non sottovalutare i rischi che esistono».

Quanto alle affermazioni del presidente Vladimir Putin, secondo cui se minacciata la Russia risponderebbe «con mezzi che i suoi avversari non hanno ancora», Lavrov ha precisato che si tratta dei missili ipersonici. «Abbiamo cominciato ad interessarcene - ha aggiunto - dopo che gli Usa hanno stracciato l'accordo sulle armi missilistiche. E sappiamo che i missili americani non sono diretti alla Corea del Nord o all’Iran, ma contro la Russia e la Cina. Noi eravamo pronti a un nuovo accordo, che avrebbe incluso anche i nuovi sistemi, ma sono state interrotte da parte americana».

"Non acceleriamo operazioni per terminare 9/5"

"La Russia - ha proseguito Lavrov - non mira ad affrettare il completamento dell'operazione speciale in Ucraina entro il 9 maggio, Giorno della Vittoria contro il nazismo. I nostri militari non adatteranno artificialmente le loro azioni a nessuna data, incluso il Giorno della Vittoria", ha detto Lavrov. "Il ritmo dell'operazione in Ucraina dipende, in primo luogo, dalla necessità di ridurre al minimo i rischi per la popolazione civile e il personale militare russo".

Da Italia parole oltre la norma diplomatica

"Alcune dichiarazioni di politici e media italiani sono andate oltre le buone norme diplomatiche e giornalistiche", ha ancora sottolineato il ministro degli esteri russo. "L'Italia è in prima fila tra coloro che adottano e promuovono le sanzioni anti-russe. Per noi è stata una sorpresa, ma ormai ci siamo abituati", ha aggiunto il capo della diplomazia di Mosca tenendo poi a sottolineare però che "non ha nulla contro il popolo italiano", che considera "amico".

Niente cambio regime ma Kiev ordini fine ostilità

In Ucraina, la Russia "non vuole un cambio di regime, questa è una specialità degli americani che si occupano di questo in tutto il mondo".  "Non chiediamo nemmeno che Zelensky si arrenda", ha proseguito Lavrov, "vogliamo che dia l'ordine d'interrompere le ostilità e lasciare tutti i civili. Vogliamo solo garantire la sicurezza delle persone in Ucraine dell'Est perché non siano minacciate dalla militarizzazione e nazificazione di questo Paese e perché dall'Ucraina non giungano minacce alla Federazione russa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook