Giovedì, 29 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Gaza, secondo fonti palestinesi Jihad ha accettato tregua
LO SCONTRO

Gaza, secondo fonti palestinesi Jihad ha accettato tregua

L’esercito israeliano ha continuato a colpire Gaza durante la notte in risposta al lancio di razzi, mentre si teme l’acuirsi delle tensioni a Gerusalemme in occasione delle celebrazioni per il Tisha B'Av, una festività ebraica

L’aviazione israeliana ha fatto sapere di aver colpito «un tunnel di attacco» della Jihad a Rafah nel sud della Striscia. Secondo il portavoce militare, il tunnel - costruito in profondità - non aveva sbocco in territorio israeliano ma aveva l’obiettivo di favorire l'infiltrazione in Israele. Media palestinesi hanno segnalato che a Jabalya, nel nord della Striscia, un attacco di Israele ha causato la morte di due persone e il ferimento di altre otto nell’esplosione di una casa nel locale campo profughi.

Anche in questo caso - come ieri per i 6 minori uccisi sempre a Jabalya - l’esercito ha negato ogni addebito ed ha invece incolpato un razzo difettoso lanciato dalla stessa Jihad. L'operazione 'Breaking Dawn' «continuerà per quanto necessario» ha detto il premier israeliano Yair Lapid.

L’esercito israeliano ha continuato a colpire Gaza durante la notte in risposta al lancio di razzi, mentre si teme l’acuirsi delle tensioni a Gerusalemme in occasione delle celebrazioni per il Tisha B'Av, una festività ebraica. Sirene di allarme sono risuonate stamane alla periferia della città.

La Farnesina segue con grande preoccupazione l’escalation a Gaza e le notizie di vittime tra la popolazione palestinese. L’Italia condanna con fermezza il lancio di razzi verso il territorio israeliano e ribadisce il diritto di Israele di garantire la sicurezza dei suoi cittadini. Si invitano le parti a esercitare moderazione per evitare un’espansione delle ostilità che causerebbe altre vittime e sofferenze ai civili. Questa nuova ondata di violenza - si sottolinea - costituisce l’ennesima conferma della necessità di rilanciare gli sforzi diplomatici per giungere a una soluzione giusta e duratura del conflitto israelo-palestinese.

Il premier Yair Lapid ha incontrato il capo dell’opposizione al suo governo Benymin Netanyahu per un aggiornamento - secondo le regole politiche del Paese - sulla situazione a Gaza. Lo ha fatto sapere l’ufficio del premier secondo cui Netanyahu ha espresso «pieno sostegno" al governo e alle forze di sicurezza offrendo suggerimenti sulla gestione dell’attuale conflitto.

L'Egitto dovrebbe annunciare presto che un cessate il fuoco tra Israele e la Jihad islamica palestinese con sede a Gaza entrerà in vigore alle 20:00, secondo un rapporto di Al Jazeera che cita fonti anonime. Nè Israele nè la Jihad islamica hanno dichiarato pubblicamente di aver accettato un cessate il fuoco. Un precedente rapporto Reuters affermava che Gerusalemme aveva appoggiato una proposta di cessate il fuoco dal Cairo, ma i palestinesi non hanno ancora risposto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook