Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Assalto a Capitol, Donald Trump deferito per insurrezione e frode
DEL 6 GENNAIO 2021

Assalto a Capitol, Donald Trump deferito per insurrezione e frode

Con una mossa senza precedenti nella storia americana, una commissione parlamentare ha deferito un ex presidente al ministero della giustizia, per reati gravissimi. Il "panel" della Camera che da un anno e mezzo sta indagando sull'assalto al Capitol del 6 gennaio 2021 ha concluso la sua ultima udienza pubblica approvando all’unanimità la relazione finale dell’inchiesta (che sarà diffusa mercoledì) e decidendo di deferire alla giustizia Donald Trump per almeno quattro reati: aver assistito o aiutato un’insurrezione, aver ostruito il Congresso nella certificazione della vittoria di Joe Biden, aver cospirato per rendere false dichiarazioni (al governo federale) e per frodare gli Stati Uniti. Una mossa che mina la sua nuova corsa presidenziale, dipingendolo come il regista di un’ operazione premeditata con la falsa dichiarazione di vittoria, la "big lie" sulle frodi di massa e l’istigazione ad una marcia sovversiva sul Capitol. Insieme al tycoon sono stati deferiti il suo ex avvocato John Eastman, uno degli "architetti" del tentativo di ribaltare il voto, ed altri stretti alleati di Trump. Quattro parlamentari repubblicani (Kevin McCarthy, speaker in pectore della Camera, Jim Jordan, Scott Perry e Andy Biggs) saranno inoltre deferiti alla commissione etica della Camera per non aver ottemperato alle citazioni. «Il presidente è stato molto chiaro, la nostra democrazia continua a rimanere sotto minaccia e tutti noi abbiamo una parte per proteggerla», ha reagito la Casa Bianca tramite la portavoce Karine Jean-Pierre.

«Il nostro non è un sistema dove i fanti vanno in prigione e le menti e i capobanda restano in libertà», ha ammonito alla fine dell’udienza il dem Jamie Raskin, uno dei nove deputati 'inquirentì. Trump ha dimostrato di essere "inadatto per qualsiasi nuovo incarico pubblico", aveva accusato in apertura Liz Cheney, una dei due soli repubblicani della commissione, di cui è vicepresidente. «Ha infranto la fiducia" nel sistema elettorale, aveva detto poco prima Bennie Thompson, presidente della commissione: «sapeva di aver perso le elezioni del 2020 ma scelse di rimanere in carica attraverso uno schema articolato per ribaltare i risultati. Non abbiamo mai avuto un presidente che ha scatenato un violento tentativo di bloccare il trasferimento del potere». «Ogni presidente nella nostra storia ha difeso questo ordinato trasferimento dei poteri, tranne uno», ha rincarato Cheney. «Tra le cose più vergognose scoperte dal questa commissione - ha proseguito - c'è il fatto che Trump restò seduto nella dining room fuori dell’Ufficio Ovale a guardare alla tv la violenta sommossa al Capitol. Per ore non fece alcuna dichiarazione pubblica per ordinare ai suoi supporter di disperdersi e di lasciare il Capitol, nonostante le sollecitazioni dello staff della Casa Bianca e di decine di altre persone».

«Durante quel periodo di tempo, agenti furono attaccati e seriamente feriti, il Capitol fu invaso, il conteggio dei voti fu bloccato e le vite di coloro che stavano in parlamento furono messe a rischio», ha aggiunto Cheney, definendo il comportamento dell’ex presidente non solo «illegale ma anche un completo fallimento morale e una chiara inadempienza del dovere». Il deferimento non obbliga il dipartimento di giustizia ad intraprendere alcuna azione ma manda un segnale potente sulle responsabilità di Trump nell’assalto al Campidoglio. In ogni caso il dipartimento ha già i fari puntati su Trump in un’ indagine penale sulla stessa vicenda, come pure in quella del sequestro di documenti classificati nella sua residenza di Mar-a-Lago. Ad aggravare la situazione del tycoon potrebbe essere martedì la commissione fiscale della Camera se decidesse di rendere pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi di ben otto anni dopo essere riuscita ad acquisirle.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook