Venerdì, 10 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Noi Magazine

Home Noi Magazine “Come un faro”, il contrasto alla povertà educativa
IL PROGETTO

“Come un faro”, il contrasto alla povertà educativa

Il progetto “Come un faro” si sviluppa sul territorio dei Comuni di Motta San Giovanni e Montebello Jonico, con l’obiettivo precipuo di contrastare la povertà educativa attraverso il consolidamento dei legami all’interno della comunità educante e la sperimentazione di un approccio basato sul metodo educativo Montessori.

L’iniziativa ha per soggetto responsabile l’Istituto comprensivo di Motta San Giovanni, retto dalla dirigente scolastica Teresa Marino, e la partecipazione del Comprensivo di Montebello Jonico con a capo il dirigente Fortunato Praticò.

L’iniziativa prevede la realizzazione di un tavolo partecipato per l’individuazione di buone pratiche in ambito socio-educativo. Sono già stati avviati corsi di formazione, tesi a rafforzare le conoscenze e le competenze all’interno della comunità, e azioni quali accompagnamento scolastico, sportelli itineranti, social baby parking, riqualificazione di spazi comuni.

“Come un faro” ha partecipato alla manifestazione nazionale itinerante #ConiBambini - Tutta un’altra storia. L’evento, organizzato alla Camera dei deputati e promosso dall’impresa sociale “Con i Bambini”, rientra nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

La scuola reggina, capofila di un’ampia rete di soggetti istituzionali e del terzo settore dei territori di Motta San Giovanni e Montebello Jonico, risulta tra i 66 beneficiari nazionali.

Durante la manifestazione Carlo Borgomeo, presidente di impresa sociale “Con i bambini”, ha denunciato la gravità del fenomeno della povertà educativa e dei suoi drammatici risvolti soprattutto nel Mezzogiorno.

La prof.ssa Marino ha sottolineato il valore dell’esperienza, unica in Calabria per la fascia 0-6 anni ad essere stata finanziata: «Il progetto è stato selezionato in quanto modello di welfare di comunità. Ci ha permesso di avviare, a partire dall’esperienza scolastica, servizi integrati per la prima infanzia valorizzando e mobilitando le risorse migliori presenti sul territorio, ciascuna per le proprie competenze, per generare non solo servizi ma soprattutto opportunità di educazione e formazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook