Martedì, 11 Dicembre 2018
LEGA

Errore nell'assegnazione dei voti, Salvini "perde" il seggio calabrese in Senato

di
senato salvini, Matteo Salvini, Sicilia, Politica
Il ministro dell'Interno Matteo Salvini

Il seggio senatoriale calabrese di Matteo Salvini è a forte rischio. Con molta probabilità il vicepremier e leader della Lega dovrà lasciare il posto alla forzista calabrese Fulvia Caligiuri. Il verbale della Giunta per le elezioni del Senato riferito ai collegi plurinominali non lascia spazio a molte interpretazioni, il ricorso di Caligiuri, candidata di FI al Senato collocata al secondo posto del listino, è fondato.

Scrive infatti la Giunta: «I due seggi assegnati in sede di proclamazione dall’Ufficio elettorale regionale alla Lega e al Movimento politico Forza Italia, a seguito dell’attribuzione al Movimento politico Forza Italia di 2.916 voti in più rispetto ai dati di proclamazione, risultano assegnati entrambi a quest’ultimo».

Dopo l’analisi dei verbali, infatti, la Giunta ha rinviato il seguito dell’esame a una successiva seduta. La formula conclusiva, «si riserva di sottoporre alla Giunta una proposta conclusiva al termine della discussione generale» lascia presagire che i tempi non saranno celeri.

Gli uffici del Senato hanno riesaminato 254 verbali dei seggi calabresi che presentavano anomalie per come denunciato dalla dirigente azzurra. I documenti sono molto chiari: in almeno 48 sezioni i voti sono assegnati al contrario. A Tropea, secondo la Corte d'appello di Catanzaro, Fratelli d'Italia ha preso 170 voti e Forza Italia 4? Dai registri ufficiali risulta esattamente il contrario.

Alla sezione 61 di Crotone Forza Italia conquista 53 preferenze e FdI 10? Sui registri, ancora una volta, è tutto capovolto. Secondo i calcoli fatti dai legali dell'imprenditrice cosentina con la passione per la politica, a Forza Italia hanno tolto 2.830 preferenze: sarebbero state sufficienti per assicurare il secondo seggio al Senato, in Calabria, per i berlusconiani.

Dal canto suo Salvini può restare sereno: il capo del Carroccio non rimarrà comunque fuori da Palazzo Madama, ma sarà solo costretto a prendere i galloni di senatore eletto nel Lazio. A fargli posto sarà la senatrice Cinzia Bonfrisco. La norma varata dalla maggioranza di centrosinistra nella passata legislatura prevede l'attribuzione automatica dei collegi: se un candidato è in lizza in più regioni deve optare per la circoscrizione dove ha ottenuto il quoziente minore. E la Lega ha ottenuto in Calabria proprio il risultato più modesto.

In ogni caso Caligiuri dovrà aspettare non poco per vedere riconosciuta la sua elezione. L'iter per completare la surroga è spesso tortuoso e non privo di difficoltà. Sarà una questione di mesi, a voler pensare positivo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X