Mercoledì, 23 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
NOMINE

Accordo sull'Inps: il cosentino Tridico alla guida, il messinese Verbaro subcommisario

accordo inps lega m5s, pensioni, presidente inps, previdenza, quota 100, subcommissario inps, Francesco Verbaro, Gabriella Di Michele, Guglielmo Loy, Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Maurizio Sacconi, Pasquale Tridico, Tito Boeri, Sicilia, Politica
Pasquale Tridico

In arrivo il nuovo vertice dell'Inps. Lega e M5s hanno chiuso l'accordo su chi prenderà il posto di Tito Boeri: alla guida dell'Istituto arriverà Pasquale Tridico, il cosentino di Scala Coeli consigliere del vicepremier Luigi Di Maio e padre del Reddito di cittadinanza, nel ruolo di commissario prima, come prevede il 'decretone', e poi molto probabilmente di presidente.

Al suo fianco ci sarà anche un vicepresidente. Ma, prima, un sub-commissario: ruolo per il quale si è trovata l'intesa sul nome del messinese Francesco Verbaro, già segretario generale del ministero del Lavoro e poi consigliere giuridico dell'allora ministro Maurizio Sacconi. Che ha dato la sua disponibilità per il periodo di commissariamento dell'Istituito a ricoprire, appunto, il ruolo di sub-commissario.

"Basta uomini soli al comando", commenta il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, sottolineando che la riforma dell'Inps con la ricostituzione del Cda "punta a ridare la giusta collegialità" all'Istituto.

La partita nel governo era rimasta aperta dopo il 'no' di Mauro Nori, in un primo momento candidato della Lega per la presidenza, a ricoprire il ruolo di vice: soluzione sfumata perché lo stesso ex direttore generale dell'Inps non sarebbe stato disponibile ad accettare l'incarico da numero due.

Il vicepremier Matteo Salvini aveva glissato dicendo di non stare seguendo la vicenda. In serata, l'accordo definito. Sulla necessità di fare presto e bene incalzano i sindacati e lo stesso Consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Inps, composto attualmente da 22 membri che rappresentano le forze sociali e che ha il compito di fissare gli obiettivi strategici e di approvare i bilanci.

Il mandato di Tito Boeri è scaduto sabato scorso, 16 febbraio, e il nome del suo successore sarebbe già dovuto arrivare, ha premesso il presidente del Civ, Guglielmo Loy. "Immediatamente va fatta l'indicazione del presidente e in via transitoria del commissario, come prevede il decreto. È importante che facciano presto e bene", ha sostenuto.

E' "necessario dare stabilità all'Istituto. Qualsiasi decisione oltre l'ordinaria amministrazione necessita di una figura che abbia responsabilità legale oltre che politica", ha detto ancora Loy: "Che ci sia un'armonia tra una figura più teorica ed una più tecnica potrebbe non essere male".

Sull'ordinaria amministrazione, ha rimarcato il direttore generale dell'Inps, Gabriella Di Michele, escludendo subito che potesse essere il commissario ("Ho già molto da fare in questo periodo come direttore"), l'Inps "andrà avanti tranquillamente", come sta facendo con le domande ed i conteggi per Quota 100 anche se con "difficoltà maggiori" per i dipendenti pubblici, ma certo per "gli interventi strategici aspettiamo i nuovi vertici". A

l di là dei nomi, per l'istituzione della figura del vicepresidente, che "già c'è stata negli anni di Sassi", ha ricordato il dg, basta un emendamento al cosiddetto decretone e poi "il regolamento d'organizzazione" dell'Inps "andrà rivisto". E quindi si darà il via alla nuova organizzazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook