Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA QUERELLE

Vincoli europei, tensione Lega 5 Stelle: e lo spread sale

governo, politica, spread, Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Sicilia, Politica
Di Maio, Conte e Salvini

Lo spread sale a 282 punti. E finisce sulla ribalta della campagna elettorale. Non tanto perché Nicola Zingaretti accusa il governo di alimentare la crisi, tanto che di questo passo «non ci saranno più i soldi per scuola e sanità». Quanto perché è Luigi Di Maio ad accusare Matteo Salvini di far salire il differenziale, con «sparate irresponsabili» che mettono a rischio l’economia.

Il leader della Lega va ripetendo - e lo rivendica - che «è un dovere superare i vincoli europei, non solo il 3% di rapporto deficit Pil ma «infrangere anche il 130-140% di debito». E il M5s, dopo averlo accusato di alimentare la tensione nelle piazze, gli addossa l’aumento dello spread. Se si litiga così, dopo il 26 per il governo andare avanti «è insostenibile», scuote la testa Giancarlo Giorgetti. «Ma si può ripartire», aggiunge prudente. Il leader della Lega mobilita tutte le energie dei suoi per mettere in campo proposte «concrete» per la volata finale verso il voto. Vuole superare il 30%: il M5s vuole impedirglielo o almeno limitare la distanza dalla Lega.

Perciò Salvini prova a chiudere Di Maio nel recinto della sinistra con l’accusa di "intelligenza" con il nemico Pd. Di Maio si ribella: «Sono subdoli, Dio ce ne scampi». E’ Salvini, affermano dal Movimento, a frequentare gli stessi salotti dei Dem: ha anche abbandonato, nota Di Maio, le felpe per «l'abito buono» della casta.  Dai palchi al Parlamento è un attimo. Salvini annuncia sgravi al 100% per le auto aziendali e dei professionisti. La Lega lavora a una flat tax al 5% su tutti gli aumenti di stipendio. Il ministro dell’Interno si prepara ad annunciare una nuova proposta della Lega da realizzare «entro l’anno per tanti italiani in difficoltà».

Tra i leghisti massimo riserbo. Ma emergono i profili di una proposta fiscale che intervenga là dove il reddito di cittadinanza non è arrivato. La famiglia è il nuovo terreno di scontro. Alla vigilia della
riunione di Di Maio al ministero con il forum delle famiglie, per elaborare una proposta da coprire con il miliardo risparmiato dal reddito, il ministro leghista Lorenzo Fontana, non invitato al tavolo, presenta alla Camera due emendamenti al decreto crescita proprio sulla famiglia.

Le coperture? I soldi risparmiati dal reddito. La prima proposta è aumentare il bonus bebè da 80 a 110 euro per il «ceto medio», chi guadagna fino a 35mila euro di reddito. E la seconda è una detrazione fiscale al 19% per spese fino a 1800 euro annui per pannolini e latte. "Finalmente proposte concrete", esulta Salvini, che indica il modello francese. Ma il M5s lo accusa di plagio: «Copia solo».

In effetti è anche una questione di tempi e tempismo, la campagna elettorale. M5s e Lega a stento si parlano e così rallenta tutta l’attività parlamentare. Rischiano di slittare a dopo le europee non solo il decreto crescita ma anche lo sblocca cantieri e il decreto per la sanità calabra (Di Maio accusa la Lega di voler bloccare un emendamento sulle nomine nelle Asl). Per risolvere i dossier più urgenti, il leader M5s invoca un vertice di governo. Ma dalla Lega fanno sapere che Salvini non sente né Di Maio né Conte da dieci giorni, dall’ultimo Cdm sul caso Siri. «Fa l’offeso: vuole un invito in carta bollata?», ribatte Di Maio. Giorgetti ammette che se lunedì in Consiglio dei ministri si vuole effettivamente decidere - come chiede la Lega - su Autonomia e decreto sicurezza, prima bisogna parlarsi.

Un piccolo spazio ci sarebbe domani, con i due vicepremier nelle stesse ore a Roma. Ma Di Maio per ora chiude: «In Cdm non ci saranno flat tax e autonomia. Il dl sicurezza devo leggerlo». Il premier Giuseppe Conte però ostenta tranquillità. Per ora in Cdm è in programma il nuovo capo della Guardia Di Finanza: sul resto si vedrà. «Il governo lavora in piena sintonia - afferma il premier - per realizzare progetti strategici, raggiungendo traguardi significativi per il rilancio del Sud».

E' il Nord che invoca autonomia a sentirsi tradito, ribatte la Lega. «Sono esausto», ammette Giorgetti. Tutto si ricomporrà, aggiunge. Ma a domanda sul voto a settembre risponde: «Sempre pronti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook