Lunedì, 24 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
BRUXELLES

Regola del debito non rispettata, via alla procedura dell'Ue contro l'Italia

conti pubblici, deficit, governo, unione europea, Giuseppe Conte, Valdis Dombrovskis, Sicilia, Politica
Di Maio, Conte e Salvini

La regola del debito "non è stata rispettata" nel 2018, nel 2019 e non lo sarà nel 2020, e quindi "è giustificata" una procedura per debito eccessivo: lo scrive la Commissione Ue nel rapporto sul debito italiano.

Per Bruxelles il rallentamento economico "spiega solo in parte l'ampio gap" nel rispetto della regola, e la "retromarcia" su alcune riforme pro-crescita del passato, come quella delle pensioni, e il deficit proiettato oltre il 3% nel 2020, rappresentano "fattori aggravanti".

«C'è la prospettiva di una procedura di infrazione ma io sono sempre determinato, ottimista e farò il massimo sforzo per scongiurare una procedura che non fa bene al Paese». Così il premier Giuseppe Conte.

«L'Italia non ha rispettato la regola del debito e una procedura è giustificata, ma non stiamo aprendo la procedura oggi», perché "prima devono esprimersi gli Stati membri": lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, ricordando che la questione va al di là
della procedura, perché «la crescita è quasi al palo».

Per l’Italia esiste un «cammino per la ripresa, altri lo hanno già intrapreso», e prevede di "non spendere quando non c'è spazio per farlo", ha aggiunto Dombrovskis.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook