Mercoledì, 17 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
CORTE EUROPEA

Sea Watch, Strasburgo boccia il ricorso dei migranti: no alla richiesta di sbarco

Niente scialuppa di salvataggio da Strasburgo per la Sea Watch 3. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha respinto il ricorso presentato dalla comandante della nave, Carola Rackete e dai 42 migranti a bordo, che chiedevano lo sbarco in Italia.

Ed il ministro dell’Interno Matteo Salvini, può esultare: «confermata la scelta di ordine, buon senso, legalità e giustizia dell’Italia: porti chiusi ai trafficanti di esseri umani e ai loro complici». Possibile ora che - come da lei stessa annunciato - il capitano decida di fare rotta verso il porto di Lampedusa, andando incontro alle
sanzioni previste dal decreto sicurezza bis: multe fino a 50mila euro e confisca dell’imbarcazione.

I ricorrenti avevano invocato gli articoli 2 (diritto alla vita) e 3 (divieto di trattamenti inumani e degradanti) della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, chiedendo di essere sbarcati subito con un provvedimento provvisorio d’urgenza per
poter presentare una richiesta di protezione internazionale.

La Corte ha chiesto informazioni al Governo ed alla ong, ha esaminato le risposte ricevute e nel pomeriggio è arrivata la decisione: non ci sono gli estremi per indicare all’Italia di autorizzare lo sbarco; Roma deve tuttavia «continuare a  fornire l’assistenza necessaria alle persone vulnerabili a bordo a causa della loro età o condizioni di salute».

Le misure provvisorie nei confronti degli Stati, sottolinea poi la Corte, vengono adottate «in via eccezionale», quando «i richiedenti sarebbero esposti - in assenza di tali misure - a rischio reale di danni irreparabili». Evidentemente, non era il caso dei naufraghi da 13 giorni sulla Sea Watch 3.

In mattinata in un video postato su facebook, il drammatico appello di uno dei 42: «non ce la facciamo più, qui siamo come in prigione, aiutateci a sbarcare presto, a mettere i piedi giù da questa barca. Pensate ad una persona appena uscita di prigione e fuggita dalla Libia, che ora si trova qui seduta o sdraiata. Immaginatevi come debba sentirsi».

Salvini non si commuove e in conferenza stampa al Viminale promette: «la Sea
Watch in Italia non ci arriva, possono stare lì fino a Natale. In 13 giorni se avessero avuto veramente a cuore la salute dei migranti sarebbero andati e tornati dall’Olanda». L’atteggiamento della ong, sottolinea, «è un’evidente provocazione politica. Stanno usando da 13 giorni esseri umani per scopi politici, sono personaggi inqualificabili».

Critiche arrivano da sinistra. Per l’eurodeputato Pd Pietro Bartolo «è disumano che il nostro ministro dell’Interno possa dire che non scenderanno neanche a Natale. Ci sono ancora bambini a bordo». Anche il capogruppo dem alla Camera, Graziano Delrio definisce «atto disumano» il no allo sbarco: «Salvini la smetta di giocare con la vita delle persone».

Soddisfazione per la decisione della Cedu arriva invece da esponenti di M5S e Forza Italia. A Lampedusa, prosegue intanto per la settima notte la veglia di protesta di don Carmelo La Magra e degli esponenti del Forum Lampedusa Solidale che si riuniranno davanti al sagrato della Chiesa in solidarietà con i migranti.

Si registra infine un altro tentativo di sbloccare lo stallo per vie legali, dopo il no arrivato nei giorni scorsi dal Tar del Lazio. Il Garante per i diritti dei detenuti si è rivolto con un esposto alla Procura di Roma per chiedere una verifica su «eventuali aspetti penalmente rilevanti» nell’attuale blocco della Sea Watch 3 al largo di Lampedusa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook