Mercoledì, 04 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica In Consiglio dei ministri piano Draghi da 221 miliardi, maggioranza in fibrillazione
PIANO NAZIONALE

In Consiglio dei ministri piano Draghi da 221 miliardi, maggioranza in fibrillazione

Mario Draghi porta in Consiglio dei ministri un Piano nazionale di ripresa e resilienza da 221,5 miliardi totali, di cui 191,5 riferibili al Recovery fund e 30 miliardi per finanziare le opere «extra Recovery». La spinta stimata alla crescita è di 3 punti di Pil nel 2026. L’obiettivo, secondo le slide inviate dal ministro Daniele Franco ai colleghi ministri, è non solo «riparare i danni della pandemia» ma affrontare anche «debolezze strutturali» dell’economia italiana. Il grosso del piano è definito, con 135 linee di investimento. E "non cambierà", sottolineano dal governo, di fronte alla mole di richieste che emerge in queste ore dai partiti.

Il M5s annuncia battaglia sul Superbonus, il Pd vuole vederci chiaro sulla Rete unica, FI chiede welfare per le famiglie, la Lega annuncia che presenterà in Cdm «altri progetti da aggiungere» al Pnrr. E resta da sciogliere il nodo della governance del piano, che agita i ministri. Tutto ciò in un clima sempre più teso in maggioranza, dopo l’astensione della Lega sul decreto per le aperture. All’indomani del netto stop al tentativo di Matteo Salvini di modificare l’accordo raggiunto nel governo sulle aperture, Draghi - che descrivono seccato per quanto accaduto - registra un clima costruttivo nella riunione della cabina di regia sul Recovery che in mattinata vede al tavolo tutti i capi delegazione. Non si parla del tema aperture, che vede forte il pressing delle Regioni sulla scuola, ma è chiaro a tutti che il premier non intende tornare indietro: il decreto è quello deciso in Cdm, poi ogni quindici giorni si faranno verifiche sui dati per decidere eventuali ulteriori aperture e dunque il coprifuoco fino alle 22 non durerà fino al 31 luglio. Ma che ci sia un problema, è opinione unanime tra gli alleati di governo. La tensione è altissima. Dal Pd trapela irritazione per il metodo leghista, di lotta e di governo: «O dentro o fuori», è il messaggio di Enrico Letta, che rilancia la proposta di un patto modello Ciampi per la corresponsabilizzazione degli alleati di governo, per cogliere l’occasione storica del Recovery.

I Dem affermano che l’uscita leghista riflette la difficoltà di Salvini rispetto a Giorgia Meloni, che guadagna consensi all’opposizione. Certo, affermano fonti parlamentari di centrosinistra, non sarebbe poi così male se la Lega decidesse di uscire dal governo, lasciando con Draghi una maggioranza "Ursula», con la sola FI. Ma la risposta leghista è netta: restiamo assolutamente nel governo. Salvini e Giancarlo Giorgetti negano anche distanze tra di loro: c'è stata, assicurano i loro staff, «sintonia totale" sull'astensione in Cdm. Il tentativo è accreditarsi come interlocutore fondamentale di Draghi in maggioranza. Il leader leghista fa sapere che i suoi contatti con il premier sono diretti, annuncia una nuova telefonata (a sera non risulta avvenuta). Come si possa andare avanti con continui strappi, però, ci si interroga a vari livelli nel governo. Il precedente è «grave», ha annotato Draghi. Il rischio è che lo strappo che si ripeta presto. Perché alla vigilia dell’approdo in Cdm del Recovery plan, la Lega fa trapelare irritazione per la consegna dei documenti a ridosso dell’esame e fa sapere, dopo un vertice di Salvini con i ministri, che intende aggiungere alcuni progetti al piano, raccogliendo «richieste dai territori» in particolare sulle infrastrutture. Se si fa il paio con i toni battaglieri del M5s sulla necessità di prorogare il Superbonus fino al 2023, fino a definire l’intervento «essenziale» per sostenere il Pnrr, si concretizza il rischio di un dibattito burrascoso da qui all’invio del Pnrr in Europa il 30 aprile. Draghi nelle prossime ore farà la sua informativa in Cdm sul Pnrr e ascolterà le proposte che verranno messe sul tavolo, ma il Piano - viene sottolineato da Palazzo Chigi - nell’impianto non è destinato a cambiare. Il via libera arriverà solo dopo un secondo Consiglio dei ministri, che si svolgerà a metà della prossima settimana, dopo l’informativa che il premier svolgerà lunedì e martedì alle Camere. Italia viva, lette le tabelle del piano, esulta: «Prima era un elenco di spese, oggi è un piano per rilanciare il Paese».

Ma gli altri partiti chiedono aggiustamenti, spiegando di non aver letto ancora il testo completo del Pnrr (il primo draft sarebbe stato scritto in inglese). Ci sono per la digitalizzazione 42,5 miliardi; per il Green 57 miliardi (il 30% del totale); per infrastrutture 25,3 mld; per istruzione e ricerca 31,9 mld; per inclusione e coesione con 19,1 mld; per la salute con 15,6 mld (in totale 19,7 miliardi, sommando altri fondi). Ma il Pd, rappresentato al tavolo da Andrea Orlando, chiede "attenzione alle clausole per l’occupazione delle donne e dei giovani, al Mezzogiorno, il potenziamento del progetto per l'autosufficienza, la garanzia sulla sicurezza per il cloud dei dati pubblici, la richiesta di chiarimento sulla strategia per la rete unica». Fonti di governo di FI spingono su Sud, Pa, partecipazione degli enti locali all’attuazione del piano. Leu dice no a interventi che possono portare più inquinamento. Da 'fuorì, anche Confindustria chiede la proroga del Superbonus. Il dibattito è appena agli inizi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook