Venerdì, 15 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica In politica la Riconoscibilità vale più del leaderismo
L'OPINIONE DI FRANCESCO CELI

In politica la Riconoscibilità vale più del leaderismo

Ridimensionato il leaderismo che parla perlopiù alle pance con spin doctors che predicano male e razzolano peggio in ossequio ad algoritmi insani, la tornata elettorale ci riconsegna il valore della Riconoscibilità del candidato in politica.

Depurata, e non appaia paradossale, da una massiccia affluenza alle urne; esplosa l’illusoria bolla tripolare con il crollo del M5Stelle; ridimensionato il leaderismo che parla perlopiù alle pance con spin doctors che predicano male e razzolano peggio in ossequio ad algoritmi insani, la tornata elettorale ci riconsegna il valore della Riconoscibilità del candidato in politica. E il suo rapporto con il territorio, che è radicamento e non imposizione, assunzione di responsabilità e non mera sfida civica che non di rado si rivela impresentabilità quando non incompetenza.

E così Sala sbanca a Milano, Manfredi e Lepore a Napoli e Bologna, Lo Russo sorprende a Torino, Occhiuto si prende la Calabria (regalando al centrodestra l’unico sorriso pieno), Napoli surclassa Sarno a Salerno, l’eterno Mastella arriva a un soffio dall’elezione al primo turno a Benevento.

Quel centrosinistra che nel Paese non appariva maggioranza ha vinto le consultazioni conquistando tre grandi città metropolitane e ora sogna Roma e Torino; il centrodestra dai potenziali profluviali consensi registra solo una significativa, ma non troppo, crescita di Fratelli d’Italia, il flop clamoroso della Lega, la caduta libera al Nord e al Centro di Forza Italia che ancora una volta deve aggrapparsi al Sud. Ma il cui leader, Silvio Berlusconi, riceve il miglior complimento che si potesse attendere da un avversario politico: «Senza il Cav federatore non c’è centrodestra», ha affermato Enrico Letta, che in un sol colpo chiude la contesa con Renzi e Calenda e costringe il M5Stelle a entrare nell’orbita del Pd per sopravvivere.

La Riconoscibilità, dunque. Che si fa credibilità e che cattura il consenso di chi, motivato, e sono sempre meno, si reca alle urne per scegliere da chi dovrà essere governato. Una lezione da imparare a memoria in vista delle Politiche del 2023, quando ciascuna coalizione dovrà scegliere i candidati per i collegi uninominali e per la quota proporzionale. Non è forse ancora venuto il tempo del tramonto del sovranismo, virus politico che periodicamente si ripropone, ma che si sia posto un argine al leaderismo dogmatico è indubbio. Oscillazioni e doppi forni non pagano, lotta e governo disorientano. E fanno rima con irriconoscibilità. Chissà se Salvini lo ha compreso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook