Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica La Meloni lavora a vice-ministri e sottosegretari: la messinese Siracusano in pole per il Sud
NUOVO GOVERNO

La Meloni lavora a vice-ministri e sottosegretari: la messinese Siracusano in pole per il Sud

Sicilia, Politica
Matilde Siracusano

Completare la squadra di governo entro il fine settimana. Questa la road map della maggioranza che non può perdere tempo, per far partire il prima possibile il lavoro parlamentare e dell’esecutivo. Le trattative dei prossimi giorni, però, non si annunciano prive di qualche prova di forza. Una partita intrecciata con quella per le presidenze delle commissioni, dove entrano in campo anche le opposizioni, con M5s e Terzo polo che si contendono la Vigilanza Rai e il Pd che punta al Copasir. G

iorgia Meloni deve anche definire il team di fedelissimi che la affiancherà a Palazzo Chigi. Giovanna Ianniello, sua storica portavoce, potrebbe diventare consigliere per la comunicazione, figura presente anche nella struttura del Quirinale. Si parla di Carlo Deodato (attuale responsabile legislativo) come segretario generale al posto di Roberto Chieppa e dell’arrivo di Francesca Quadri a capo del Dipartimento affari giuridici e legislativi. Giovanbattista Fazzolari, braccio destro della leader di FdI, potrebbe diventare, tra le diverse ipotesi, sottosegretario all’Attuazione del programma o altrimenti con deleghe ai Servizi segreti.

Sono 31 i posti di sottogoverno in palio che, secondo i programmi, verranno assegnati in un consiglio dei Ministri a fine settimana. FI e Lega dovrebbero averne una decina a testa, il resto spetterà a FdI, a parte tre poltrone destinate a Noi moderati, che non ha trovato spazio fra i 24 ministri. Una sarà per Alessandro Colucci, che potrebbe essere uno dei tre sottosegretari all’Economia, assieme al leghista Federico Freni e a un esponente di FI, come Sestino Giacomoni rimasto fuori dal Parlamento. Scontata la scelta di Maurizio Leo, responsabile economico di FdI, come viceministro. Per quanto riguarda le commissioni Bilancio, da subito cruciali con la manovra che incalza, quella del Senato dovrebbe essere presieduta da un azzurro, e si parla di Dario Damiani. Quella della Camera da un deputato di FdI: molti pensano a Giulio Tremonti (si ricomporrebbe l’asse con Giancarlo Giorgetti, su quella poltrona quando il professore era ministro dell’Economia), ma altri nella maggioranza non escludono soluzioni diverse, considerandolo un nome troppo divisivo. Si rischiano scintille fra gli alleati.

Fra la decina di caselle dei sottosegretari-viceministri che conta di occupare il partito di Silvio Berlusconi, una alla Giustizia potrebbe andare a Francesco Paolo Sisto, che è anche in lizza per la vicepresidenza del Csm. Il Cavaliere vorrebbe poi un suo fedelissimo come Valentino Valentini alla Farnesina, ma sondando gli umori del resto della coalizione sarà più facile vederlo alla Difesa oppure agli Affari Europei: non è da escludere un altro braccio di ferro. Per l’ex capogruppo di FI Paolo Barelli si profila un posto all’Interno come vice ministro, mentre Gregorio Fontana, ex questore della Camera che conosce a menadito la macchina di Montecitorio, avrebbe l'identikit perfetto per andare ai Rapporti con il Parlamento. Fra i desiderata di Berlusconi ci sarebbe anche Alberto Barachini come sottosegretario all’Editoria. Altri di FI in predicato di entrare nella squadra di governo sono Deborah Bergamini, Gianfranco Miccichè (intenzionato a lasciare il ruolo di senatore per quello nell’Ars siciliana), Matilde Siracusano (forse al Sud) e Andrea Mandelli, in pole per un posto alla Salute, dove dovrebbe essere anche confermato Andrea Costa, di Nm. Lorenzo Cesa, segretario nazionale dell’Udc, potrebbe andare all’Agricoltura, dove è in odore di conferma l’azzurro Francesco Battistoni, ma è difficile che la Lega accetti di restare fuori dalla partita, dopo aver già perso quella per il ministro. Il partito di Salvini punta anche sui coordinatori regionali. Ad esempio il veneto Alberto Stefani, quello siciliano Nino Minardo e quello del Molise Michele Marone. Nelle nomine potrebbe rientrare l’ex ministro Massimo Garavaglia, e anche Massimo Bitonci, intanto scelto fra i capigruppo (assieme a Riccardo De Corato di FdI e Roberto Pella di FI) per la commissione speciale che si insedia per lavorare sul decreto aiuti ter.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook