Martedì, 21 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Farmaco potrebbe invertire il declino cognitivo negli anziani
SCIENZA

Farmaco potrebbe invertire il declino cognitivo negli anziani

A metterlo a punto è stato un team di esperti dell’Università della California a San Francisco (UCSF), che hanno condotto una serie di esperimenti sui roditori, descritti sulla rivista eLife.

Si chiama ISRIB, o ISR InhiBitor, ed è un farmaco sperimentale che promette di invertire il declino cognitivo provocato dall’avanzare dell’età in pochi giorni. A metterlo a punto è stato un team di esperti dell’Università della California a San Francisco (UCSF), che hanno condotto una serie di esperimenti sui roditori, descritti sulla rivista eLife.

«Il farmaco - spiega Suzanna Rossi, docente nei dipartimenti di Chirurgia neurologica e Terapia fisica e scienza della riabilitazione presso l’UCSF - riavvia il meccanismo di produzione di proteine delle cellule nel nostro cervello dopo che è stato inibito da una risposta allo stress del nostro corpo».

Il team ha suddiviso i topi in due gruppi differenziati in base all’età degli animali, i più giovani hanno ricevuto piccole dosi giornaliere di composto per tre giorni, mentre i più anziani sono stati suddivisi ulteriormente tra quelli che hanno ricevuto il farmaco e gli esemplari del gruppo di controllo. «La molecola nel gruppo di topi anziani - riporta l’autrice - ha ripristinato la memoria e la flessibilità mentale, ringiovanito il cervello e le cellule immunitarie.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook