Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Medici: "Vaiolo scimmie non da contagi sessuali". Polemica su stigma a gay
LA PRECISAZIONE

Medici: "Vaiolo scimmie non da contagi sessuali". Polemica su stigma a gay

La trasmissione sessuale non è l'unica modalità di trasmissione del vaiolo delle scimmie. Lo si legge in un focus che la Federazione degli ordini dei medici ha pubblicato sul suo sito, la precisazione arriva per fare chiarezza dopo alcune dichiarazioni delle istituzioni sanitarie sul contagio fra omosessuali e per evitare lo stigma alla comunità. Come quelle dell’Ecdc che hanno scatenato le reazioni della associazioni ma anche la preoccupazione dei medici di far arrivare un’informazione scientifica non corretta. «L'infezione può derivare da uno stretto contatto con secrezioni respiratorie, lesioni cutanee di una persona infetta od oggetti recentemente contaminati - spiega Fnomceo - e la trasmissione attraverso le particelle respiratorie delle goccioline di solito richiede un contatto faccia a faccia prolungato, il che mette a maggior rischio il personale sanitario oppure i membri della famiglia dei casi attivi. La catena di trasmissione più lunga documentata in una comunità è stata di sei infezioni successive da persona a persona. La trasmissione può avvenire anche attraverso la placenta dalla madre al feto».

«Trovo scioccanti le dichiarazioni rilasciate dal Centro europeo per le malattie che parla testualmente di comunità di individui che si identificano come MSM, ovvero uomini che fanno sesso con uomini, indicandoli come categoria maggiormente a rischio - afferma la Senatrice Alessandra Maiorino, coordinatrice del Comitato per i diritti civili e le politiche di genere del M5s che presenterà un’interrogazione al ministro Speranza - Questo tipo di affermazioni e il linguaggio ricordano spaventosamente le campagne degli anni '80 per la prevenzione dell’Aids, in cui la comunità omosessuale fu indicata come l'untore generando uno stigma di cui solo con grande fatica è riuscita a liberarsi». Per Fabrizio Marrazzo portavoce Partito Gay per i diritti LGBT+ «questa affermazione va smentita ufficialmente dal Governo italiano e sanzionato l’organo Europeo e tutti i virologi che stanno diffondendo lo stigma che sono i Gay a diffondere il vaiolo». Alla protesta si unisce anche l'associazione GayLib. L’analisi dell’epidemiologo Pierluigi Lopalco entra invece nel merito dei rischi di crescita dei casi e di impatto sulla situazione sanitaria. «Non è la prima volta che episodi epidemici si manifestano in questa maniera, dopo il Covid c'è un’attenzione particolare per le malattie infettive e una virosi fa notizia, ma il rischio per la sanità pubblica è basso. Ci sono già tre casi sequenziati e il genoma è lo stesso, non c'è nessun segnale che possa far presagire qualcosa di insolito».

"ll livello contagiosità si conosce, si diffonde per contatto stretto - aggiunge Lopalco - in questo caso tutto deriva da un’unica fonte di contagio dove si è creata una coincidenza di fattori per la propagazione. E’ giusto sia stata data un’allerta internazionale poichè tutte le persone che sanno di essere a rischio per contatti con quell'area o con persone devono fare attenzione e rivolgersi ad un medico». Lopalco propone infine che anche l’Italia si doti di una 'epidemic intelligence", «una serie di azioni che servono a identificare precocemente l'allerta di questo tipo per limitare al massimo la diffusione dei contagi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook