Giovedì, 13 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
SANITA'

Nasce "Telefono Rosso" per salvare i medici dalle aggressioni

aggressione medici, aggressione ospedale crotone, telefono rosso medici, Massimo Tortorella, Sicilia, Società
foto pixbay

"Gli ospedali italiani sono un vero e proprio Far West, i nostri medici non sono più al sicuro". Massimo Tortorella, presidente del Gruppo Consulcesi, network che lavora a fianco dei medici, interviene dopo l'aggressione alla dottoressa di Crotone e lancia il telefono rosso: un pronto soccorso telefonico per la violenza in corsia.

Chiamando gratuitamente il numero 800620525 attivo tutti i giorni 24 ore su 24, i camici bianchi che si sentono in pericolo o hanno subito aggressioni e minacce, anche attraverso i social potranno trovare supporto umano e legale, e con la possibilità di rimanere del tutto anonimi.

"A fianco del Tribunale del Malato - propone Tortorella - è il momento di istituire un Tribunale del Medico. Perchè le vittime delle inefficienze del Sistema sanitario nazionale non sono solo i pazienti, ma anche chi è costretto a lavorare in condizioni di disagio, sovraffollamento, mancanza di personale e senza le misure minime necessarie per la sicurezza".

"La dottoressa di Crotone, come tanti suoi colleghi, non è stata vittima dell'imprevedibilità di uno scatto d'ira - afferma - ma di un desolante contesto dove i medici sono lasciati soli e inascoltati". Secondo dati della Fiaso, Federazione di Asl e Ospedali in due casi su 3 non viene presentata alcuna denuncia:

"Spesso per paura di ritorsioni - conclude - ma anche a causa del senso di sfiducia e rassegnazione ormai generalizzato negli operatori sanitari costretti a lavorare praticamente in trincea".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X