Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
SOCIAL

Facebook lancia News, la nuova sezione dedicata alle informazioni giornalistiche

«Quando gli annunci hanno iniziato a spostarsi dai giornali stampati ai siti web, l’economia delle notizie è cambiata": lo scrive Mark Zuckerberg in un editoriale sul New York Times in occasione del lancio di News, la nuova sezione di Facebook dedicata alle notizie. «Una stampa libera è fondamentale per una democrazia sana e dobbiamo sostenere i giornalisti e gli editori che svolgono questo lavoro cruciale», ha assicurato il 35enne fondatore di Facebook, «ma Internet ha sconvolto il modello di business per gran parte dell’industria dell’informazione».

«Credo profondamente nel bene sociale che il giornalismo fornisce. Oggi», scrive nell’editoriale, «è più importante che mai: abbiamo bisogno di notizie per esaminare i grandi eventi potenti, documentare in modo affidabile e scoprire nuove verità. Questo rende migliore la nostra società, e so per esperienza diretta che ha reso migliore anche la nostra azienda - anche quando è scomoda. Spero che i nostri sforzi onorino l’importante lavoro che i giornalisti svolgono e sostengano l’industria dell’informazione che ci tiene tutti informati».

Per ora questa novità è in fase sperimentale per un gruppo di utenti ai quali il social network fornirà notizie nazionali e locali in alcune aree metropolitane come New York e Los Angeles. «Su questo sono ottimista», ha aggiunto, «se ascoltiamo attentamente le idee e le preoccupazioni delle organizzazioni giornalistiche di tutto il mondo, possiamo crescere nel tempo. Sostenere notizie di qualità può anche aiutarci a combattere la disinformazione. Questo è il motivo per cui stiamo fissando standard rigorosi per gli editori per essere idonei ad apparire su Facebook News. Se un editore pubblica informazioni errate, non apparirà più nel prodotto», ha assicurato.

I servizi Internet «hanno dato alla stampa modi per raggiungere un nuovo pubblico e le ricerche suggeriscono che le persone che ricevono le loro notizie sui social network sono esposte a una gamma più ampia di punti di vista. Ma rompere il legame tra editori e lettori ha anche reso più difficile per l’industria dell’informazione adattarsi finanziariamente a questi cambiamenti».

Zuckerberg ha sottolineato inoltre la volontà di «potere e volere fare di più. Abbiamo iniziato all’inizio di quest’anno, con un impegno di 300 milioni di dollari per aiutare gli editori - specialmente nelle edizioni locali - a investire nella costruzione dei loro modelli di lettori e di abbonamento. I giornali locali sono stati i più colpiti dai cambiamenti tecnologici».

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook