Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Masterchef si rinnova, ma la cucina resta "un atto di speranza"
NUOVA EDIZIONE

Masterchef si rinnova, ma la cucina resta "un atto di speranza"

di
Selezioni via zoom. E Bruno Barbieri stavolta sarà "Il Signor No"

Fuochi accesi, mestoli lucidi e grembiuli ben allacciati. Sfoderate i vostri libri di cucina e tenete gli occhi aperti per scovare i “mappazzoni”: domani parte la decima stagione di Masterchef, il talent culinario di Sky - prodotto da Endemol Shine Italy - in onda ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno (in streaming su NowTv). La ricerca del migliore chef amatoriale d’Italia anche quest’anno sarà condotta dal trio di giudici/chef, composto da Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli, per un mix azzeccato di preparazione, stile e humour.

L’attesa per il talent più ambizioso di Sky è notevole ma l’avvento del Covid ha ovviamente stravolto le carte in tavola e l’edizione stata presentata ieri avrà notevoli cambiamenti. Il Covid ha reso tutto più arduo, sin dalle selezioni: i concorrenti sono stati pre-giudicati via zoom. «Siamo entrati nelle loro cucine – ha detto Giorgio Locatelli – c’abbiamo parlato e visto i loro piatti e le loro cucine. Vi posso garantire che anche a distanza si capisce chi ha i numeri per questo talent». Dopodiché i concorrenti meritevoli sono stati invitati a Milano. «Con le nuove norme nessuno poteva portare cibo da casa – hanno detto Nils Hartmann (Senior Director Original Production Sky Italia) e Stefania Rosatto (curatrice Masterchef Italia per Endemol Shine Italy) – e ciascuno aveva 5 minuti per entrare nella mitica dispensa di Masterchef, prendere gli ingredienti e andare davanti ai giudici per il Live Cooking».

L’uomo immagine della decima edizione sarà chef Bruno Barbieri nei panni del “Signor No”: «Ho fatto parte della giuria in tutte le edizioni, quest’anno sarò ancora più esigente. Questo è Masterchef: o sai fare una salsa bernese oppure ti togli il grembiule e vai a casa». Non mancherà la suspense e la lotta si annuncia accesa per ottenere i grembiuli (quello grigio con due sì su tre, quello bianco, entrando subito in cucina, con tre sì). In palio, oltre al titolo, centomila euro e la pubblicazione di un libro di ricette.
«Abbiamo vissuto dentro una bolla – ha detto chef Antonino Cannavacciuolo – tutti insieme, con lo staff e la produzione, cui si sono aggiunti i 21 concorrenti in gara per un format sempre più eco-friendly e plastic-free che guarda al futuro ma non dimentica l’importanza dei sapori di casa. Ci siamo divertiti molto. Il Covid ha costretto la produzione a fermare il casting ma il risultato è un talent rinnovato che ha saputo dare visibilità a piccoli produttori e rimettere al centro del discorso l’impiattamento, croce e delizia per molti chef, anche stellati».

Non mancheranno i cavalli di battaglia, le Mystery Box, l’Invention Test e il temutissimo Pressure Test. Confermato anche lo Skill Test, «una sorta di “esame a sorpresa” molto tecnico, sviluppato su tre livelli di difficoltà crescente». Confermate però alcune esterne – fra cui il Lago d’Iseo e Crespi d’Adda, villaggio industriale patrimonio Unesco – e nella bolla covid-free sono giunti anche ospiti illustri, a partire dal temuto Maestro Iginio Massari, lo chef Jeremy Chan, Mauro Colagreco, lo chef pluristellato fondatore del ristorante Mirazur a Mentone, e l’enfant prodige Flynn McGarry. Infine, Cannavacciuolo ha ribadito il mantra di non sprecare cibo – «il giorno dopo, gli avanti vanno nella pasta ripiena o in una frittata di pasta» – e Barbieri ha messo in guardia: «In Italia quando gioca la nazionale di calcio e quando c’è Masterchef ciascuno dice la sua, siamo tutti allenatori e chef. Ma la decima sarà un’edizione molto agguerrita, vedrete. Da subito si sono formate fazioni e rivalità. Ne vedrete di tutti i colori».

Ma i tre giudici e chef stellati hanno anche commentato lo status quo del mondo della ristorazione fra ansie, aspettative e ben poche certezze. «A Londra da oggi sarà tutto chiuso, la situazione è tragica» afferma Locatelli, proprietario del Locanda Locatelli nel quartiere Marylebone, una stella Michelin: «Senza un flusso di incassi costante la ristorazione muore. Ma posso dire che in Inghilterra il sistema ha retto, le imprese sono assistite e non abbiamo dovuto chiudere o licenziare nessuno». Ma quando si torna in Italia, il tono cambia.

Cannavacciuolo, proprietario del ristorante Villa Crespi, sul Lago d’Orta, 2 stelle Michelin, predica prudenza: «Il caos non serve a nessuno in questo momento. I rimborsi di oggi saranno il debito di domani, abbiamo bisogno di una strategia, non di soldi a pioggia. Bisogna ripensare al mestiere e provare a salvare il posto dei dipendenti, l’anima del ristorante». Infine, Barbieri, ben 7 stelle Michelin nei suoi 4 ristoranti sparsi per lo stivale: «La ristorazione muove un’economia importante, non solo il cibo ma alberghi e bar fanno una parte di Pil che necessita risposte e una strategia per il post-Covid. Vorrei tanto sapere perché non sono arrivati gli aiuti, ma al contempo sono certo che ci riprenderemo e come dopo una guerra anche stavolta saremo capaci di rimetterci in pista. Il mio motto è sempre lo stesso: non mollare mai». La cucina, dopotutto, «è un atto di speranza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook