Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Fedez, il nuovo album per sostenere TOG: centro di riabilitazione per bambini con patologie neurologiche
L'INIZIATIVA

Fedez, il nuovo album per sostenere TOG: centro di riabilitazione per bambini con patologie neurologiche

Disumano x TOG. La nuova idea benefica di Fedez è a favore del centro di riabilitazione per bambini. Gli introiti provenienti dal nuovo disco aiuteranno la costruzione della nuova sede nel milanese.

Con un video su Instagram il cantante, scambiato da uno dei piccoli pazienti per Sangiovanni durante una sua visita, ha spiegato tutto: “L’idea era che il disco potesse restituire qualcosa oltre alla musica. Poter accendere un riflettore su delle realtà che potessero averne bisogno in qualche modo. Dargen D’Amico un giorno mi chiama e mi ha dice: ‘Ti devo dare un appuntamento segreto, non ti posso dire il perché’. Non sapevo nulla. Immaginare un bambino costretto nella sua immobilità che riesce ad acquisire il dono della lettura… Questo ha un valore inestimabile. Questo è quello che TOG riesce a fare. Purtroppo il Sistema Sanitario nazionale, preziosissimo, non riesce a supportare questo tipo di problematiche. L’idea non è solo quella di raccogliere fondi, ma di rendere vivo questo posto e di far comprendere il valore di cui esserne orgogliosi tutti quanti. E’ una cosa che secondo me dovrebbero conoscere tutti. Coinvolgeremo gli artisti (per esempio quelli che collaborano con Uniqlo). L’opera di Francesco Vezzoli andrà all’asta e tutto il ricavato sarà per la causa TOG. Verrà creata una tela e le opere di Rae Martini saranno donate alla struttura

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

Antonia Madella Noja

La Responsabile e Segretario generale di TOG Antonia Madella Noja ha detto: “L’acronimo sta per Together To Go. E’ un centro di riabilitazione d’eccellenza per bambini che hanno delle patologia neurologiche complesse. Non esistono medicine, esiste un attacco concentrico che si fa al cervello leso per cercare di dare a questi bambini lo sviluppo migliore possibile. Noi volevamo aumentare la numerosità: adesso seguiamo 114 bambini, ma volevamo accoglierne di più. Abbiamo presentato il progetto e vinto il bando. Siamo arrivati a definire e cominciare i lavori di ristrutturazione e la creazione della nuova sede“.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook