Sabato, 01 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Sarco, il dispositivo per il suicidio stampato in 3D ora è legale in Svizzera
IL CASO

Sarco, il dispositivo per il suicidio stampato in 3D ora è legale in Svizzera

La Sarco, società che ha ideato una “capsula” stampata in 3D che può aiutare a realizzare il suicidio assistito, ha dichiarato che potrebbe la “macchina” potrebbe essere utilizzato in Svizzera già il prossimo anno. Sarco – come riferisce la Bbc - ha incaricato un esperto legale svizzero, che ha scoperto che il dispositivo non violerebbe alcuna legge nel paese.  E, all'inizio di dicembre, è stata  legalizzata dalla Svizzera come riporta Il Messaggero.

Che cos’è il Sarco Suicide Pod

Il Sarco, talvolta chiamato Sarco Suicide Pod – si legge su Wikipedia - , è un dispositivo per eutanasia costituito da una capsula removibile, stampata in 3D, montata su un supporto avente al suo interno un contenitore di azoto liquido, utile a suicidarsi attraverso l'asfissia da gas inerte. Quest'ultimo tipo di asfissia è stato scelto poiché evita il sopraggiungere del panico, del senso di soffocamento e quindi dell'istintiva lotta precedente allo stato di incoscienza Viene utilizzato in combinazione con un gas inerte, l'azoto, che previene il panico, il senso di soffocamento e la lotta precedenti alla caduta in uno stato di incoscienza, ovvero tutti quei meccanismi facenti parte della risposta del corpo all'ipercapnia, che sarebbero invece causati da un aumento della concentrazione di anidride carbonica nel sangue.

Il Sarco, il cui nome deriva da un'abbreviazione di "sarcofago", è stato inventato dall'attivista e sostenitore dell'eutanasia Philip Nitschke nel 2017. Nel 2021, Nitschke ha dichiarato di aver cercato e ricevuto consulenza legale sulla legalità del dispositivo in Svizzera, paese che nel dicembre 2021 ne ha legalizzato l'utilizzo.

Altri avvocati hanno messo in dubbio la legalità del Sarco

Nel 2021, Nitschke ha dichiarato di aver cercato e ricevuto consulenza legale sulla legalità del dispositivo in Svizzera, paese che nel dicembre 2021 ne ha legalizzato l'utilizzo.

In realtà, l'organizzazione per il suicidio assistito Dignitas ha affermato che difficilmente il dispositivo potrà essere utilizzato. Anche se il suicidio assistito è già legale in Svizzera: circa 1.300 persone sono morte in questo modo nel 2020. Il metodo attualmente utilizzato in Svizzera è quello di fornire alla persona una serie di liquidi che, se ingeriti, porranno fine alla vita della persona. Al contrario, il pod di Sarco, che può essere posizionato ovunque, viene inondato di azoto, riducendo rapidamente i livelli di ossigeno. Il processo farebbe perdere conoscenza alla persona all'interno e morirebbe in circa 10 minuti. La capsula per il suicidio si attiva dall'interno e dispone anche di un pulsante di emergenza per uscire.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook