Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Dalla Toscana a Lourdes, coppia di anziani in Ape per portare un cero per la pace di due quintali
LA STORIA

Dalla Toscana a Lourdes, coppia di anziani in Ape per portare un cero per la pace di due quintali

Da Chiesina Uzzanese, in provincia di Pistoia, fino al santuario di Lourdes in Ape per portare un maxi cero di due quintali con un messaggio di pace. Protagonisti dell’insolito pellegrinaggio religioso una coppia di pensionati toscani, Sauro Innocenti, 82 anni e la moglie Carla Bianchini, 78, che il 6 maggio scorso sono partiti dalla Valdinievole per realizzare il sogno di visitare la sacra grotta di Massabielle, dove secondo la tradizione cattolica apparve miracolosamente la Vergine Maria. E adesso e stanno per arrivare a destinazione.

Nel mezzo un viaggio spirituale di oltre mille chilometri, affrontato con fede e perseveranza al ritmo di 50 chilometri orari sulle tortuose strade provinciali francesi. A bordo il maxicero, alto quasi due metri, realizzato con devozione da Sauro, 35 anni da vigile del fuoco prima di coltivare a tempo pieno la passione da presepista. Anche se la sua opera principe rimane il cero da sei metri realizzato nel 2000 per il Giubileo a Roma, quando aveva sfiorato il record mondiale.

L'ultima opera è stata accesa per la prima volta lo scorso 9 aprile in occasione della marcia per la pace organizzata a Cerreto Guidi, nel Fiorentino, dall’associazione nazionale "Città dei presepi". Con un fuoco speciale: dal santuario francescano di La Verna, in provincia di Arezzo, è stata portata una fiamma accesa proprio nel luogo dove San Francesco ricevette le stimmate durante i suoi giorni di preghiera. Per la coppia di credenti un ricordo da custodire con orgoglio, insieme alla benedizione del vescovo di Pescia, monsignore Roberto Filippini che il giorno della partenza ha raggiunto Chiesina Uzzanese per benedire l’Ape e il maxi-cero.

Nel corso dell’avventura gli "Apellegrini", come si sono ribattezzati Sauro e Carla, hanno ricevuto ospitalità e appoggio da parte di comunità locali e credenti. E dopo quattro giorni sulla strada, al ritmo di 300 chilometri per volta, hanno raggiunto l’agognata destinazione. Con il prezioso cero che ha iniziato a splendere nella grotta di Massabielle per lanciare un segnale di fratellanza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook