Lunedì, 21 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
EUROPA LEAGUE

Lazio indenne
a Londra

europa league, tottenham lazio, Sicilia, Sport
Hernanes
Tottenham e Lazio 0-0 nella prima partita del gruppo J di Europa League. Tottenham (4-2-3-1): Lloris 6; Walker 6, Caulker 6, Vertonghen 6, Naughton 5.5; Dembelé 5.5 (45' st Mason s.v.), Sandro 6; Lennon 6.5 (35’ st Townsend s.v.), Dempsey 6.5 (29' st Sigurdsson s.v), Bale 6; Defoe 5. (23 Cudicini, 6 Huddlestone, 13 Gallas, 20 Dawson). All. André Villas-Boas. Lazio (4-1-4-1): Marchetti 6; Cavanda 5.5, Biava 6, Dias 6.5, Lulic 5; Ledesma 6; Mauri 6.5 (45' st Ederson s.v.), Onazi 5.5 (34' st Zarate s.v.), Hernanes 5 (45' st Ciani s.v.), Gonzalez 5.5; Klose 5.5. (1 Bizzarri, 5 Scaloni, 18 Kozak, 99 Floccari). All. Vladimir Petkovic. Arbitro: Alin Hategan (Rom). Angoli: 3-2 per il Tottenham. Recupero: 0' e 3'. Ammoniti: Biava, Dias, Mauri per gioco scorretto. Spettatori: 25.030. (ANSA)

Più efficace che spettacolare, più solida che divertente, ma un po' fortunata e abbastanza pragmatica da raccogliere un punto: missione compiuta, la Lazio esce imbattuta anche da White Hart Lane. Nell'esordio di Europa League buona prova di Stefano Mauri e compagni che impattano contro il Tottenham di André Villas-Boas. Il primo pareggio stagionale coincide con la prima gara della gestione Petkovic senza gol. Ma il punto sul campo più difficile del Gruppo J è un ottimo presupposto per il cammino europeo della Lazio. La febbre di Antonio Candreva regala una maglia da titolare a Ogenyi Onazi, unica sorpresa nella Lazio che fatica a carburare in apertura di gara. Più preoccupata a non offrire il fianco che ad attaccare, la squadra di Vladimir Petkovic resta bloccata nella propria metà campo, lasciando agli esterni - capitan Mauri a destra e Senad Lulic sulla corsia opposta - il compito di rifornire l'unica punta Miroslav Klose. Ma sullo spunto dell'esterno bosniaco al 12'pt, Klose è in ritardo e sciupa la favorevole occasione. Da lì in poi è solo Tottenham anche se ai padroni di casa di raro riescono efficaci accelerazioni. Anzi, la prima occasione degli Spurs nasce da una disattenzione di Luis Cavanda: il suo sventato appoggio è preda di Jermain Defoe che crossa per Gareth Bale, Federico Marchetti si salva in angolo. Lazio fortunata al 23'pt: Dempsey segna di testa ma la rete viene annullata per fuorigioco. Il replay evidenzia però che l'attaccante statunitense era tenuto in gioco da Lulic. E' il momento peggiore per i biancocelesti, stasera in maglia blu navy, che soffrono soprattutto sulla sinistra: André Dias e Alvaro Gonzalez faticano ad arginare le scorribande di Aaron Lennon. Gli Spurs però si sgonfiano presto, consentendo alla Lazio di chiudere la frazione in crescendo. E rendersi pericolosa quando Mauri aggancia al volo al limite dell'area, Klose svirgola malamente. Dal settore che ospita i duemila tifosi laziali si alza un coro in onore del più celebre ex di entrambi i club, Paul Gascoigne. Il pubblico inglese dimostra di apprezzare e applaude fragorosamente. E prima dell'intervallo arriva l'occasione migliore per la Lazio: la conclusione al volo di Gonzalez supera Hugo Lloris ma si infrange sulla traversa. Petkovic si dispera a bordo campo. La ripresa si apre tra le proteste dei tifosi di casa che chiedono il rigore per una spallata troppo energica di Lulic su Lennon: sul conseguente tentativo di Dempsey salva sulla linea Giuseppe Biava. Lazio troppo passiva e rinunciataria. Così l'iniziativa resta agli Spurs. Al 19'st altro pericolo: sulla punizione di Bale, Sandro schiaccia fuori da due passi. A metà ripresa altra rete annullata al Tottenham: sull'angolo di Bale, insacca Steven Caulker. Ma questa volta la chiamata del direttore di gara, il rumeno Alin Hategan, è giusta, chiara la trattenuta su Mauri. Il Tottenham non ha più forze, la Lazio si accontenta e così il pari sulla ruota di Londra è inevitabile.(ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook