Venerdì, 22 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
CALCIO

Salah condanna il Napoli: finisce il sogno Champions

Il Napoli esce dalla Champions e lo fa nel modo peggiore, penalizzato dalla differenza reti che qualifica il Liverpool a condanna gli azzurri.

E’ un finale incredibile per i partenopei, costretti a uscire con una sola sconfitta nel girone e assistere alla qualificazione dei Reds, battuti per ben tre volte nell’arco della prima fase della competizione. Il Napoli paga incredibilmente l’inutile gol del 3-1 messo a segno al San Paolo da Ben Nabhouane, nella gara vinta con la Stella Rossa. E' proprio quel gol che nel gioco della differenza reti dà la possibilità agli inglesi di qualificarsi grazie a una vittoria con il minimo scarto. Agli azzurri sarebbe bastato un solo gol per ottenere la qualificazione che sarebbe arrivata anche in caso di sconfitta con un solo gol di scarto, ma non con l’1-0 a favore del Liverpool. E all’ultimo istante di una gara intensissima e combattuta la palla del pareggio capita sui piedi di Milik la cui conclusione viene miracolosamente deviata da Alisson.

E’ l’ultimo atto, con gli azzurri costretti a 'retrocedere' in Europa League e con il Liverpool che si qualifica assieme al Psg vittorioso a Belgrado. Il Napoli inizia molto bene la partita con un buon piglio dei centrocampisti che pressano gli inglesi sulla partenza dell’azione e li costringono a rallentare prima di innescare lo spunto degli attaccanti. Gli azzurri sfiorano anche il gol del vantaggio con Hamsik che conclude dal limite dell’area con una conclusione di piatto destro che sfiora la traversa.

Il Liverpool, però, con il passare dei minuti accentua a sua volta il pressing sui difensori e sui centrocampisti arretrati azzurri mettendoli in grosse difficoltà. In questa fase della gara soffra particolarmente Hamsik sul quale Wijnaldum esercita una pressione talmente intensa da costringerlo ripetutamente a commettere errori che innescano azioni offensive dei Reds.

Il gol del vantaggio del Liverpool arriva al 34' con Salah che viene servito da Milner tutto spostato sulla destra. Mario Rui non regge fisicamente l’urto con l’egiziano il quale giunto quasi sulla linea di fondo campo, punta verso la porta e batte Ospina con un tiro rasoterra che passa in mezzo alle gambe del portiere mossosi con eccessivo anticipo.

Il Napoli fino alla fine del primo tempo tenta una reazione che produce solo una discreta occasione con Ruiz il cui tiro in diagonale, però, attraversa tutto lo specchio della porta di Alisson e si perde sul fondo.

Nella ripresa è il Liverpool a costruire un notevole numero di occasioni da gol, tutte sprecate dagli attaccanti o neutralizzate da Ospina. Soltanto negli ultimi 10' di gioco il Napoli si riversa nella metà campo avversaria nel disperato tentativo di ribaltare il risultato con il gol del pareggio. Ma è troppo tardi. Il sogno rimane tale e agli azzurri non restano che i rimpianti per ciò che poteva essere e non è stato, a conclusione di un girone spettacolare, vissuto fianco a fianco con due tra le favoritissime per la vittoria finale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook