Domenica, 16 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
CALCIO

Inizia il viaggio dell'Italia di Mancini verso gli Europei 2020: sabato sfida con la Finlandia

calcio, europei 2020, italia, Roberto Mancini, Sicilia, Sport
Roberto Mancini

14.000 biglietti già venduti, curve esaurite, l’attesa che cresce per l’Italia di Roberto Mancini che sabato a Udine con la Finlandia comincerà il viaggio verso gli Europei 2020. A quasi un anno dall’approdo sulla panchina azzurra il ct non si nasconde: «Ora le partite conteranno di più e ci sarà maggiore pressione ma vedo entusiasmo e ragazzi che si divertono, sono fiducioso. L'obiettivo è cercare di fare qualcosa di diverso: vincere divertendo». Per questo raduno iniziato oggi a Coverciano ha convocato 29 giocatori di cui 10 attaccanti: ci sono il 36enne Quagliarella e il 2000 Kean, mancano per infortunio Insigne e per scelta tecnica Balotelli e Belotti. «Ne ho chiamati tanti, qualcuno per conoscerlo meglio. E poi stiamo cercando di proporre un calcio offensivo. Le esclusioni? Il bello della Nazionale è che tutti discutono, rispetto ma poi le scelte le faccio io. Belotti può fare molto meglio e come tanti altri che ora non ci sono può tornare qui».

Lo stesso, ha fatto capire Mancini, vale per Balotelli: «Se la sua esclusione è legata a motivi tecnici o anche comportamentali? Mario non è ancora nelle condizioni ottimali per poter giocare in Nazionale. E' sicuramente migliorato rispetto a qualche tempo fa, ha una buona media-gol ma credo possa fare ancora di più. Da lui ci aspettiamo tanto, ha 29 anni e ormai una certa esperienza, per tornare qui deve dare il massimo e serve ancora un pò di tempo».

Sta invece bruciando le tappe lo juventino Kean che qualcuno definisce il nuovo Balotelli: «Se questo è il peggior augurio per lui? Mario alla sua età giocava e segnava in A, speriamo che Moise parta come lui e prosegua bene. Balotelli ha vinto e ha fatto un’ottima carriera anche se poteva fare ancor meglio». Il ct non smette insomma di pungolare l’attaccante che fece esordire all’Inter mentre dedica parole al miele per Jorginho e Verratti: «Il primo sta facendo bene nonostante il momento delicato del Chelsea perché ha grandi doti ed è così anche per Marco, un giocatore straordinario. Possono crescere ancora ma già ora stanno facendo un ottimo lavoro e io mi reputo fortunato perché posso schierarli insieme e perché ho trovato centrocampisti di grande qualità e in generale giocatori versatili e bravi tecnicamente e tatticamente: ciò mi ha aiutato a costruire una squadra capace di giocare a calcio».

Un plauso a Chiesa, Bernardeschi e Zaniolo: «Sono cresciuti molto e devono continuare così, se giocano migliorano e questo è lo spunto più interessante del campionato. Zaniolo pronto per il debutto? Merito a Di Francesco che gli ha dato una fiducia enorme, i giovani possono vivere momenti altalenanti però lui può debuttare e questo vale anche per gli altri che sono qui». Chiusura sulla Finlandia: «Partita tosta ma vogliamo vincere. Dai miei mi aspetto la stessa voglia mostrata nelle ultime gare: dovremo saper difendere ma prima ancora proporre bel gioco». Il presidente federale Gravina sfoggia fiducia: «Vedo una Nazionale prima di entusiasmo, Mancini sta interpretando al meglio le nostre idee, dobbiamo credere nel miglior risultato possibile consapevoli di aver iniziato un nuovo percorso».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook