Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
MONDIALI ATLETICA

Crippa record italiano nei 10000 metri: dopo 30 anni battuto il siciliano Antibo

atletica, mondiali, Salvatore Antibo, Yemaneberhan Crippa, Sicilia, Sport
Yemaneberhan Crippa

Yemaneberhan Crippa mette il sigillo finale ai Mondiali di atletica leggera che si sono svolti a Doha, in Qatar. L’azzurro ha chiuso all’ottavo posto la finale dei 10000 metri, mettendo a segno il nuovo record italiano di 27'10"76. Una giornata storica, visto che il primato nazionale resisteva dal 1989, quando Antibo fece 21'16"50.

La medaglia d’oro è stata vinta dall’ugandese Joshua Cheptegei con 26'48"36 (nuovo primato dell’anno), argento all’etiope Yomif Kejelcha con 26'49"34 e bronzo al keniano Rhonex Kipruto con 26'50"32. «Mi sono rifatto dopo i 5 mila metri. Sono contentissimo, ringrazio il mio allenatore. Non poteva andare come l’altro giorno, non potevo deludere anche oggi. Adesso so che posso competere con i migliori, potevo stare attaccato sino alla fine: questo è il mio unico rammarico. Nulla è impossibile», ha dichiarato Crippa a caldo.

Bella affermazione della statunitense Nia Ali che domina i 100 metri ostacoli con 12,34 davanti alla connazionale Kendra Harrison con 12,46 e alla giamaicana Danielle Williams con 12,47. Infine nei 1500 metri maschili un super Timothy Cheruiyot porta l’oro al Kenya con 3'29"26, argento per l’algerino Taoufik Makhloufi con 3'31"38, bronzo per il polacco Marcin Lewandowski che ha fatto segnare il nuovo record nazionale con 3'31"46.

L’Italia chiude quindi questa rassegna iridata con una sola medaglia di bronzo, quella di Eleonora Giorgi nella 50km di marcia. «In questo Mondiale volevamo valutare se la strada intrapresa fosse quella giusta, se la crescita che si è manifestata negli ultimi mesi fosse reale oppure no. Dal mio punto di vista è così, è palese la crescita dell’atletica italiana»: questo il bilancio del presidente della Fidal, Alfio Giomi.

«Siamo ancora lontani dai vertici dell’atletica internazionale; siamo soddisfatti, sì, ma consapevoli che c'è da fare ancora tanto», ha aggiunto il numero uno dell’atletica azzurra.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook