Venerdì, 14 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Travolta da un camion mentre si allena muore la ciclista Roberta Agosti, compagna di Marco Velo
LA TRAGEDIA

Travolta da un camion mentre si allena muore la ciclista Roberta Agosti, compagna di Marco Velo

ciclismo, Davide Cassani, Marco Velo, Roberta Agosti, Sicilia, Sport
Roberta Agosti

Una sgambata in bicicletta, nel Bresciano, si è trasformata in tragedia per Roberta Agosti, 50enne atleta di punta del Team Millennium Brescia. Travolta da un camion-cisterna per il trasporto del latte, in un incidente simile a quello capitato lo scorso 19 giugno ad Alex Zanardi, la donna è morta sul colpo.

Con lei, nel gruppo di ciclisti che pedalava a Castel Venzago, c'era il compagno Marco Velo, ex professionista compagno di Marco Pantani e braccio destro del ct azzurro Davide Cassani. Lo schianto questa mattina, tra il Santuario della Madonna della Scoperta e Lonato. «Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è - racconta il compagno, distrutto dal dolore -. Avevamo proprio scelto la campagna per pedalare in sicurezza e in tutta tranquillità, eravamo un gruppetto di amici che procedeva pian pianino, non più di 23 chilometri all’ora. Salivamo su una strada all’1%. A un certo punto sono caduti in 3 o 4, Roberta ha sbandato e si è portata verso sinistra ed è stata presa in pieno dal camion-cisterna che stava procedendo in senso contrario alla nostra marcia: da quel momento è incominciato un incubo...».

Figlia dell’imprenditore Antonio Agosti, fondatore del marchio di giocattoli Toys, Roberta era una grande appassionata delle due ruote. Insegnante di Yoga e di educazione teatrale, era stato proprio il ciclismo a farle conoscere l’amore.

«Il ciclismo ci aveva fatto conoscere, e il ciclismo ci ha separato», è il commento di Velo. L’ex ciclista, che per il Giro d’Italia si occupa proprio della sicurezza dei corridori, si dice «devastato": «stavamo bene assieme, era un anno e mezzo che ci frequentavamo, entrambi venivamo da due storie finite, e adesso mi trovo a piangere una donna che amavo e dentro di me ho solo un profondo e incontenibile sentimento di fine». La procura di Brescia ha aperto una indagine per ricostruire l'esatta dinamica dell’incidente e individuare eventuali responsabilità, mentre i social si riempiono dei messaggi di cordoglio di amici e semplici appassionati di ciclismo.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook