Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Tokyo 2020

Home Sport Tokyo 2020 Hong Kong: 40enne arrestato per fischi durante l'inno nazionale cinese
IL CASO

Hong Kong: 40enne arrestato per fischi durante l'inno nazionale cinese

E' accaduto durante la premiazione di Edgar Cheung, oro nel fioretto. Da giugno deridere l'inno è reato e si rischiano tre anni di carcere
cina, hong kong, inno, olimpiadi, Tokyo 2020, Sicilia, Tokyo 2020
Gli atleti di Hong Kong

La polizia di Hong Kong ha arrestato un uomo di 40 anni accusato di aver insultato l’inno nazionale cinese durante la cerimonia di premiazione di Edgar Cheung, storico oro nel fioretto a Tokyo 2020, soffocandolo con fischi e canti nel corso della visione collettiva in un centro commerciale dell’ex colonia britannica.

Il sospettato, qualificatosi come giornalista, ha sventolato una vecchia bandiera coloniale e incitato gli altri a fischiare la Marcia dei Volontari. L’arresto è stato eseguito dopo la visione delle telecamere a circuito chiuso. Deridere l’inno è reato dallo scorso giugno, prevedendo una pena a tre anni di carcere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook