Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Tokyo 2020

Home Sport Tokyo 2020 Tokyo 2020, "el Rey olimpico" Garcia Bragado annuncia il ritiro dopo 8 Olimpiadi
LA CURIOSITA'

Tokyo 2020, "el Rey olimpico" Garcia Bragado annuncia il ritiro dopo 8 Olimpiadi

Mai nessuno come lui nell'atletica. Lo spagnolo, dopo aver percorso la marcia 50 km ed essere arrivato 35esimo, annuncia il ritiro. Mai a medaglia in otto partecipazioni olimpiche, ma è "o Rey"

Otto Olimpiadi, compresa questa di Tokyo in cui oggi ha chiuso al 35/o posto e 13 campionati mondiali. E’ il riassunto della carriera, in fatto di partecipazioni, del marciatore spagnolo Jesus Angel Garcia Bragado, specialista della 50 km che a Sapporo ha disputato la sua ultima gara. Stabilendo un doppio primato visto che è stato, con i suoi 51 anni, il più anziano rappresentante dell’atletica leggera, uomini e donne, a gareggiare in un’Olimpiade e anche quello che ne ha disputate di più, otto, superando la sprinter giamaicana (e poi slovena) Merlene Ottey assieme alla quale finora deteneva il record a quota sette.

La prima volta di Garcia ai Giochi è stata a Barcellona 1992, quando aveva 23 anni e fu decimo e ancora definisce
"indimenticabile» quell'Olimpiade, non solo perché per lui fu l'esordio ma anche per la presenza nel basket del Dream Team Usa, «quello vero» di Michael Jordan e Magic Johnson. Lascia deluso per il risultato di oggi ("pensavo di poter fare meglio) e smette «perché è il mio corpo che me lo chiede». Gli dispiace di non aver mai preso una medaglia ai Giochi (miglior piazzamento il quarto posto a Pechino 2008), «perché chiunque abbia partecipato anche a una sola Olimpiade sa che si tratta di un evento unico, il massimo a cui si possa aspirare e la gara che vorresti sempre disputare. Io ho avuto la fortuna di averne fatte molte, e forse resterò nella storia anche se non sono andato sul podio. Ma da giovane, anche in gara, ero troppo impulsivo e forse proprio questo mi ha fregato».

Ai Mondiali Garcia è andato meglio, con l’oro di Stoccarda nel 1993 e gli argenti di Atene 1997 e Berlino 2009.
Ora questo madrileno che in patria chiamano "el Rey olimpico" anche se non ha mai vinto medaglie farà l’allenatore, carriera che ha già cominciato part-time, e si dedicherà anche alla politica, dove in passato ha ricoperto incarichi a livello locale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook