Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Foto Cinema “Anni da cane”: l’adolescenza raccontata dal reggino Fabio Mollo

“Anni da cane”: l’adolescenza raccontata dal reggino Fabio Mollo

di

Un film “inclusivo”, che unendo sapientemente young adult e dramedy, riesce a delineare un’adolescenza inedita, tormentata e fuori dalle righe, raccontando storie di ragazzi “sfigati” che si scostano parecchio dai modelli patinati dei giovani adulti di sicuro successo. “Anni da Cane”, terzo lavoro per il cinema del reggino Fabio Mollo, Evento Speciale della sezione “Panorama Italia” di “Alice nella città” – manifestazione parallela alla Festa del Cinema di Roma dedicata ai ragazzi – viene proposto dal regista assieme ai protagonisti Aurora Giovinazzo, Isabella Mottinelli e Luca Maria Vannuccini, affiancati da Achille Lauro, presente in un cameo nei panni di se stesso. Primo film Amazon Original italiano, prodotto da Notorious Pictures, scritto dagli autori esordienti Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi, sembra essere l’opera più pop di Mollo, con momenti piuttosto esilaranti, che non tolgono però intensità alla capacità di descrivere la bellezza degli adolescenti fuori da ogni tipo di omologazione, e offrendo un esempio di come il fallimento possa trasformarsi in occasione di crescita.

La trama

Protagonista della vicenda è Stella (Aurora Giovinazzo, reduce dal successo veneziano di “Freaks out”), ragazza impacciata, tormentata e cinica che dopo un terribile incidente d’auto in cui è coinvolto anche un cane, si convince che i suoi anni vadano contati come quelli dei cani: uno ne vale sette, e ora che sta per compiere 16 anni in realtà è una centenaria. Pensando che le rimanga poco tempo da vivere, stila una lista di tutte le esperienze che vorrebbe fare prima di morire (fare l’amore per la prima volta, fare un graffito, conoscere una drag queen, studiare il kamasutra e metterlo in pratica, rovinare una festa...), assecondata nel suo obiettivo dagli amici Nina (Isabella Mottinelli) e Giulio (Luca Maria Vannuccini). Ma l’incontro casuale col timido e introverso Matteo (Federico Cesari) metterà tutto in discussione.

La sfida del regista reggino Fabio Mollo

Il film una vera sfida per Fabio Mollo: «Della sceneggiatura ho amato la cura dei dialoghi, la ricchezza dei personaggi e l’idea di base dietro il racconto. Mi ha colpito soprattutto il mondo psichedelico di Stella, dove ogni immaginazione diventa realtà; e questo elemento rappresenta un omaggio al cinema e alla sua magia. Mi sono sentito vicino alla protagonista e ho vissuto la grande responsabilità di sperimentare il dramedy e il young adult, alternando linee narrative e visive molto particolari con la commedia e il dramma, sempre rischiosi da mettere insieme». In procinto di concludere il girato di “My Soul Summer”, esordio attoriale di Casadilego, Mollo spiega il suo interesse per il mondo dei ragazzi: «L’adolescenza è un periodo di trasformazioni e continuare questa fase della vita attraverso il cinema consente di capirla. Ritengo fondamentale raccontare l’attuale generazione perché è estremamente inclusiva, coraggiosa e anticonformista, e tutti dovremmo iniziare ad ascoltare di più i ragazzi». E Aurora Giovinazzo: «Interpretare Stella è stato inizialmente difficile perché la cercavo senza mai trovarla. Poi qualcosa ha fatto clic, e sono riuscita a cogliere il suo universo grazie all’aiuto di Fabio e del nostro acting coach. Ho caricato alcuni aspetti del mio carattere, proponendo una versione di me stessa più infantile, sciolta e senza freni, mettendomi nei panni di una ragazza che soffre di ansia, sentimento che come è uno scudo da cui ci proteggiamo quando le nostre certezze vengono minate».
Anche Achille Lauro che ha firmato per il film l’inedito “Io e te” – su tutte le piattaforme digitali e in radio da venerdì, data di uscita del film su Amazon Prime Video – si è dichiara affascinato dalla storia, interessato più alla regia che alla recitazione: «Ho curato la regia dei miei videoclip e sto lavorando su due docu ancora inediti. Mi piacerebbe continuare a farlo, anche fallendo. Si diventa persone di successo anche così, perché il fallimento ti insegna ad alzare il tiro». Nel cast anche Sabrina Impacciatore (la madre di Stella) e Valerio Mastandrea in una partecipazione amichevole. Dal 26 novembre “Anni da cane” sarà disponibile in oltre 240 paesi.

© Riproduzione riservata

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook