Venerdì, 07 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Messina, contrada Montesanto: in mezzo al degrado spunta la carcassa di un cavallo

Messina, contrada Montesanto: in mezzo al degrado spunta la carcassa di un cavallo

Continua l'attività della Polizia municipale alla guida del comandante vicario commissario Giovanni Giardina, ancora una volta nell'occhio del mirino del Reparto Ambientale coordinato dall'ispettore Giacomo Visalli coadiuvato dall'ispettore Giuseppe Cifalà, la contrada Montesanto dove lo scorso lunedì il sindaco ha tenuto una diretta Facebook avviando di fatto il cantiere per i lavori di adeguamento e ripristino dei serbatoi di Amam. Dall'ispezione dei luoghi da parte degli uomini del Reparto Ambientale, istituto dall'assessore alle Politiche Ambientali Dafne Musolino, sono emerse nuove attività illecite nell'area già in passato oggetto di abbandono di rifiuti e allevamento abusivo di animali. Questa volta è stata accertata la violazione dei sigilli apposti alle stalle sottoposte a sequestro lo scorso 16 dicembre,  oltre a nuove stalle ove erano allevati cavalli, ovicaprini e animali da cortile. In un caso è emerso un fatto inquietante: gli agenti avuto accesso ai luoghi hanno da subito notato delle depressioni nel recinto dove erano rinchiusi i cavalli ed hanno deciso, alla luce dell'irrequietezza dell'allevatore, di eseguire, armati di badile, uno scavo. Alla profondità di circa un metro l'incredibile scoperta, un cavallo era stato sepolto proprio lì. Perlustrati i luoghi si è accertata la presenza di altri animali e di una ingente quantità di farmaci somministrati dall'uomo senza alcun prescrizione, stante la mancanza di microchip e di marche auricolari agli ovicaprini. Tutta l'area inoltre era destinata al deposito incontrollato di rifiuti, dagli elettrodomestici a materiale plastico nonché l'immondizia che l'uomo accumulava e del quale aveva da tempo perso il controllo. Ma ad  attirare l'attenzione degli agenti l'incredibile groviglio di cavi elettrici che sorvolava tutta la zona e che alimentava diverso fabbricati. Giunta la squadra Enel e verificata la fornitura del contatore ivi presente gli operatori si sono subito accorti che il consumo era improvvisamente cambiato da un consumo irrisorio ad uno elevato proprio al loro arrivo sul posto. Da qui l'accurata ispezione dell'impianto fino all'individuazione di un allaccio abusivo mediante collegamento sottotraccia baypassando di fatto il contatore. L'uomo è stato denunciato all'autorità giudiziaria ed i luoghi sono stato sottoposti a sequestro. Per gli ovicaprini l'Asp ha proceduto all'apposizione delle marche auricolari e dei microchip per i tre cavalli ancora in vita.

© Riproduzione riservata

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook