Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Covid e scuola, Bianchi: "Ritorno in presenza battaglia di tutti". Ma si teme nuova Dad

Covid e scuola, Bianchi: "Ritorno in presenza battaglia di tutti". Ma si teme nuova Dad

"La scuola italiana è in cammino. Non è che il ritorno in presenza è un problema solo del governo: tutti dobbiamo lavorare per tornare alla normalità.

Io me ne sto già occupando, voglio che se ne occupino anche gli altri, voglio che lo facciamo assieme, dobbiamo insistere, condividere, sostenere il ministro per tornare ad una scuola in presenza che sia una scuola di affetti. Va fatto insieme, io ci sono ma dovete esserci anche voi". Così il ministro dell' Istruzione Patrizio Bianchi.

"La sto facendo la battaglia per la presenza, giorno e notte, mi impegno a continuarla ma ognuno ha una responsabilità: il Cts fa le sue affermazioni, loro ci dicono che ci sono ancora dei problemi sanitari e ci devono dire loro cosa succede se ci sono certi livelli di copertura vaccinale. Io la battaglia per il rientro in presenza la sto facendo alla grande, facciamola insieme", precisa il ministro  Bianchi.

"Allo stato attuale non c'è, non abbiamo in mente di farlo, però c'è un fortissimo appello alla solidarietà collettiva". Così Patrizio Bianchi, ministro dell'Istruzione, risponde all'ipotesi di rendere obbligatorio il vaccino per gli insegnanti (proposta avanzata nelle scorse ore anche dai dirigenti scolastici). Bianchi ha parlato a margine dell'evento di apertura di Repubblica delle idee, in corso a Bologna.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook