Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca E' la Notte della Luna: la Nasa la celebra con "MoonaLisa", foto dell'italiana Giulia Pace

E' la Notte della Luna: la Nasa la celebra con "MoonaLisa", foto dell'italiana Giulia Pace

Arte e scienza si uniscono per celebrare la Notte della Luna: nella International Observe the Moon Night la Nasa ha scelto la foto dell’italiana Marcella Giulia Pace intitolata "Moona Lisa", nella quale l’immagine della Gioconda emerge dal mix di immagini colorate della Luna. «E' un lavoro di Optical Art che unisce scienza, arte, osservazione, percezione, illusione e ingegno: tutti termini che vestono perfettamente l’atteggiamento di Leonardo da Vinci nei confronti della realtà», osserva l’astrofila siciliana autrice della foto, ormai una veterana delle foto astronomiche del giorno (Astronomy Picture of the Day, Apod) della Nasa.

«Leonardo da Vinci capì che i motivi che spiegano il colore del cielo, erano gli stessi che determinano i differenti colori della Luna al suo sorgere o al suo nascere», osserva Pace, e osservando da vicino la Moona Lisa «si perde il disegno del volto e appaiono tante lune con i loro colori naturali, disposti come fossero i pixel di una normale foto». L’immagine finale, prosegue l’autrice della foto, «è il remissaggio di un lavoro realizzato da Gianni Sarcone nel 1997, che riproduceva il capolavoro leonardesco con 142 perline di colore perfettamente spaziate, poste alle intersezioni di una rete triangolare bidimensionale immaginaria. Qui, al posto delle palline, è la tavolozza di Lune colorate riprese dall’immagine 'Colors of the Moon', la foto di Marcella Giulia Pace che era stata l’Apod della Nasa dell’11 novembre 2020. Per riprodurre le parti più scure del dipinto è stata inserita la luce cinerea della Luna, cioè la manifestazione luminosa sulla superficie scura della Luna della lucentezza solare riflessa dagli oceani terrestri, descritta più di 500 anni fa proprio da Leonardo da Vinci.

I tanti eventi

Dagli Stati Uniti al Canada, dal Sudamerica all’Arabia fino all’Europa, sono oltre 1.940 gli eventi organizzati in tutto il mondo, dei quali circa un centinaio in Italia. E’ una giornata particolare il 16 ottobre, non solo perché la Luna sarà al suo primo quarto, ma perché è previsto anche il lancio della missione Lucy della Nasa, che avrà il compito di studiare gli asteroidi Troiani di Giove per capire meglio le origini del Sistema Solare. Come da consuetudine, la Notte della Luna sarà l’occasione per proporre osservazioni al telescopio e approfondire temi quali la sua formazione, le missioni spaziali passate e quelle in programma, la mitologia, la poesia, la musica e le diverse espressioni artistiche ispirate al nostro satellite naturale.

In Italia tante le iniziative organizzate dall’Unione astrofili italiani (Uai), che è tra i partner ufficiali della manifestazione. Da segnalare l’evento speciale organizzato per il 16 ottobre presso l’Osservatorio astronomico Monte Viseggi de La Spezia con il gioco a tema "Luna" e osservazioni degli astri, le cui immagini, riprese in diretta dai telescopi, saranno proiettate su un monitor. Telescopi puntati sul nostro satellite anche all’Osservatorio astronomico di Punta Falcone di Piombino nella notte del 15 ottobre, mentre l’Associazione Ravennate Astrofili Rheyta (Arar) propone l’evento "La Luna dantesca" presso la biblioteca Classense di Ravenna. Sempre nella notte del 16 ottobre si andrà alla scoperta della Luna all’Osservatorio astronomico di Capodimonte a Napoli, grazie all’evento organizzato dall’Unione Astrofili Napoletani con presentazioni e osservazioni al telescopio. Il Virtual Telescope Project invece, di cui l’astrofisico Gianluca Masi è il responsabile scientifico, offrirà a partire dalla 17.30 di domani, la possibilità di osservare la Luna sopra il magnifico orizzonte di Roma. Negli Stati Uniti il Marshall Space Flight Center della Nasa organizza un party di osservazione virtuale accompagnato da attività sui social media, mentre dall’isola di Cipro è previsto un live streaming della Luna organizzato dall’Agenzia spaziale britannica.

Il centro di ricerca della Nasa

Un punto di vista particolare sarà quello del Marshall Flight Center in Alabama, centro di ricerca della Nasa. Qui, all’1 di stanotte, partirà una diretta per osservare la Luna, visibile anche sul canale YouTube o sull’account Facebook ufficiale. Ci saranno dei telescopi puntati sul satellite che lo inquadreranno da vicino, spiegando nel dettaglio alcuni suoi particolari e dando maggiori informazioni su Viper, la prossima missione Nasa che cercherà l’acqua sulla superficie lunare.

© Riproduzione riservata

TAG:

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook