Giovedì, 27 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Il piccolo Eitan dopo quasi 3 mesi torna in Italia con la zia FOTO

Il piccolo Eitan dopo quasi 3 mesi torna in Italia con la zia FOTO

E’ atteso in Italia per dopodomani sera il piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone, conteso tra le famiglie di origine del padre e della madre, entrambi morti assieme al fratellino, ai bisnonni e ad altre 9 persone nell’incidente dello scorso 23 maggio.

Con un volo da Tel Aviv il bambino, rapito ormai quasi tre mesi fa, l’11 settembre, dal nonno materno Shmuel Peleg, rientrerà assieme alla zia paterna Aya Biran, nominata fin da subito sua tutrice legale e che, da quando è uscito dall’ospedale dove è stato ricoverato in gravi condizioni, lo ha accolto con il marito e le cuginette nella villetta in provincia di Pavia.

Il ritorno nella sua nuova casa italiana dovrebbe mettere fine al calvario del bimbo di 6 anni che, dopo aver perso la sua famiglia, si è ritrovato in mezzo a una aspra controversia internazionale e a vivere in un Paese che aveva lasciato quando aveva poco più di un anno. A mettere un punto fermo sulla vicenda è stata due giorni fa la Corte Suprema di Tel Aviv che, confermando le due decisioni delle scorse settimane di primo e secondo grado, ha stabilito che si è trattato di un rapimento verso cui la Convenzione internazionale dell’Aja prevede "tolleranza zero» e che impone «la restituzione immediata» ai tutori.

Quindi, ha riconosciuto, accogliendo l’istanza della zia Aya, la sottrazione illegittima del minore da parte del nonno materno. Il quale è destinatario di un mandato d’arresto internazionale per le accuse di sequestro di persona, sottrazione e trattenimento di minore all’estero e appropriazione indebita del passaporto del bambino.

Nell’inchiesta, condotta dalla Squadra Mobile pavese e coordinata dalla Procura, nei giorni scorsi è stato arrestato con mandato europeo il presunto complice di Peleg: il «soldato" dell’agenzia di contractor statunitense Blackwater, Gabriel Alon Abutbul, anche lui israeliano, bloccato a Cipro, dove risiede, già scarcerato e ora con obbligo di firma in attesa della conclusione del procedimento di estradizione (per domani è fissata udienza davanti ai magistrati ciprioti).

L’uomo avrebbe fatto da autista nella fuga verso la Svizzera da dove partì l'aereo privato. Per la vicenda è indagata anche la nonna materna Esther Cohen. A lei e all’ex marito, da quanto si è saputo, è stata concessa la possibilità di vedere e salutare il nipotino prima che parta. Il suo arrivo a Travacò Siccomario (Pavia) è previsto, dato che l’aereo atterrerà a Bergamo in serata, nella notte anche per cercare di evitare i riflettori dei media. La famiglia paterna, da quanto è stato riferito, intende, infatti, il più possibile salvaguardare la privacy e l’interesse del piccolo per metterlo al riparo da ulteriori pressioni e disagi.

Dopo qualche giorno di svago con le cugine, gli zii, gli amici e i parenti più stretti, tra cui i nonni paterni, tra qualche giorno dovrebbe finalmente anche andare a scuola, in prima elementare. Scuola che avrebbe dovuto iniziare il 13 settembre. Insomma per il "bene" del piccolo, come hanno stabilito i giudici israeliani, riprenderà la sua vita normale nel Paese «dove ha trascorso quasi tutta la sua esistenza». Intanto, è in corso davanti al Tribunale per i minorenni di Milano il procedimento - il prossimo 9 dicembre si terrà una nuova udienza - sul reclamo da parte dei legali dei nonni contro il provvedimento con cui la zia venne dichiarata tutrice, con una serie di questioni poste dagli avvocati, tra cui la presunta falsità del verbale di nomina. Mentre i legali della zia paterna, la quale nell’immediatezza del rapimento ha chiesto di adottare Eitan, hanno depositato alcune memorie per replicare alla parte avversa.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook