Venerdì, 21 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Naufragio Costa Concordia: 10 anni da quella tragica notte all'Isola del Giglio

Naufragio Costa Concordia: 10 anni da quella tragica notte all'Isola del Giglio

Sono le 21:45:07 del 13 gennaio 2012 quando la nave Costa Concordia, salpata dal porto di Civitavecchia in direzione di Savona, a causa di un passaggio troppo ravvicinato alla costa impatta con gli scogli delle Scole, nei pressi dell’Isola del Giglio.

Nello scafo si apre uno squarcio di 70 metri e in meno di un’ora il viaggio si trasforma in una tragedia. In occasione del decennale di uno dei più gravi naufragi della storia, Sky TG24 realizza una programmazione dedicata il 12 e il 13 gennaio, con approfondimenti e speciali, a cura di Stefano Sassi e Tonia Cartolano, in onda il 12 gennaio alle 14.30 e disponibile On Demand.

Nel racconto le immagini di maggiore impatto emotivo e le testimonianze dell’epoca fanno da contrappunto alle interviste a molti dei protagonisti della vicenda: tra loro Gregorio De Falco, all’epoca capo della sezione operativa della Capitaneria di porto di Livorno, che coordinò le operazioni di soccorso, il magistrato Francesco Verusio, già a capo della Procura di Grosseto e pubblico ministero dell’accusa nel processo penale, il comandante Nick Sloane, a capo dell’operazione di parbuckling, ovvero della rotazione del relitto in assetto verticale prima del definitivo rigalleggiamento, e del successivo trasferimento a Genova per lo smantellamento il 23 luglio 2014.

"Quella sera hanno sbagliato in molti, Schettino in primis, qualcuno avrebbe dovuto chiamare l'amministrazione comunale per chiedere un aiuto tecnico e avvisarci che sarebbero sbarcate 4mila persone". Così Mario Pellegrini, vicesindaco del Giglio ai tempi del naufragio della Concordia, ricorda quanto accadde il 13 gennaio di 10 anni fa: quella notte salì su una scialuppa per fare la rotta inversa dei naufraghi e per raggiungere la nave e prestare soccorso.

Fu il primo a salire a bordo. Quanto accadde, quelle ore frenetiche per mettere in salvo più persone. "Ricordo tutti i naufraghi - racconta - soprattutto i bambini: piangevano ma non riuscivano a proferire parola, erano muti con quegli occhi pieni di lacrime e terrore quando la barca si è ribaltata; tutti piangevano ma nessuno riusciva a gridare, sentivano la tragedia". Pellegrini ricorda di essere salito a bordo poco dopo le 23: "Ho cercato qualche ufficiale ma non l'ho trovato. C'era molta confusione e mi sono messo subito al lavoro sul ponte 3 del lato destro della nave per caricare sulle scialuppe le persone che arrivavano dal lato sinistro. Finito questo lavoro perché non c'era più nessuno, mi sono spostato sul lato sinistro ed è stato in quel momento, poco dopo la mezzanotte, che la nave ha iniziato a inclinarsi velocemente. Lì alla confusione si è sostituito il terrore, l'acqua che arrivava, l'ansia di dover uscire dai corridoi ed una volta all'esterno è venuta fuori la luce della luna piena ad illuminare i visi terrorizzati dei naufraghi rimasti a bordo. Da qui abbiamo fatto scendere centinaia e centinaia di persone, li abbiamo aiutati affinché non cadessero in mare e ci fosse un'affluenza controllata sulla biscaggina. Una volta fatta scendere anche una ragazza con la gamba fratturata sono arrivati i vigili del fuoco e sono sceso io. Erano quasi le 6 del mattino".

La figlia di Francesco Schettino sostiene che il comandante Gregorio De Falco quella sera sbagliò, lei cosa ne pensa? "Tutti parlavano con tutti, il problema era questo - afferma Pellegrini - De Falco parlava con il comandante Schettino, c'è stato un gran giro di telefonate ma quelli con cui avrebbero dovuto parlare eravamo noi. Noi abbiamo accolto 4mila persone sull'isola e non sapevamo cosa era successo e di cosa avevano bisogno quelle persone". In quelle ore ha mai visto Schettino? "Molto probabilmente eravamo vicini sul ponte 3 del lato destro, c'erano in lontananza a poppa un gruppo di ufficiali ma non posso assicurare che tra questi ci fosse Schettino. Poi quando mi sono spostato sul lato sinistro e la nave ha iniziato a ribaltarsi sono andato verso l'interno a cercare le persone e non ho più visto quel gruppo di ufficiali. Mentre io andavo verso il lato sinistro loro scendevano". Cosa non è stato detto ancora in una vicenda di cui è stato raccontato tanto? "Il libro è stato fatto per questo, raccontare e certificare come sono andate le cose e per far emergere le persone che si sono date da fare, dietro le quinte. Molte di loro sono state dimenticate dopo aver salvato le vite. Neanche un grazie. Si è parlato tanto di chi è scappato e poco di chi è rimasto dentro a quella nave". Si sente un eroe? "No, sono solo orgoglioso di me stesso".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook