Venerdì, 27 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Scuole testimoni della Memoria: cerimonia al Ministero e oggi viaggio virtuale nell'Italia della Shoah

Scuole testimoni della Memoria: cerimonia al Ministero e oggi
viaggio virtuale nell'Italia della Shoah

Si è tenuta ieri mattina al Ministero dell’Istruzione la celebrazione ufficiale del Giorno della Memoria con la partecipazione del Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, e della presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), Noemi Di Segni. La cerimonia, che è stata trasmessa in diretta su Rai Uno, è stata aperta da un messaggio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

L’evento fa parte di un ampio programma con il quale le scuole e il Ministero, in collaborazione con l’UCEI, celebrano il Giorno della Memoria, istituito dalla legge 211 del 20 luglio 2000 con l’obiettivo di “ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”.

Le iniziative

Le celebrazioni previste in occasione del Giorno della Memoria hanno avuto inizio ieri mattina con la premiazione delle scuole vincitrici del concorso “I giovani ricordano la Shoah”, promosso annualmente dal Ministero dell’Istruzione, sotto l’Alto Patronato del presidente della Repubblica, in collaborazione con l’UCEI. Il concorso è rivolto a tutte le scuole del primo e del secondo ciclo con l’obiettivo di promuovere l’approfondimento e la riflessione sulla Shoah tra le studentesse e gli studenti. Presente al Ministero una delegazione di ragazze e ragazzi premiata dal Ministro Bianchi e dalla presidente Di Segni. Le altre scuole vincitrici hanno partecipato all’evento collegandosi in diretta streaming.

Quindi si è tenuta in diretta televisiva, la celebrazione istituzionale del Giorno della Memoria. A condurla, l’attrice Eleonora Giovanardi, che ha letto alcuni brani sulla Shoah.

Oggi la giornata sarà dedicata a una nuova edizione del Viaggio della Memoria, che per anni ha portato centinaia di studentesse e studenti ad Auschwitz. Quest’anno il Ministero ha organizzato un viaggio diffuso nei luoghi della memoria presenti nel nostro Paese. Ragazze e ragazzi delle scuole di tutta Italia parteciperanno a una “staffetta” di approfondimento e conoscenza che si snoderà tra il Campo di concentramento di Fossoli (MO), dove saranno presenti il ministro Bianchi e la presidente Di Segni, il Binario 1 della Stazione Tiburtina di Roma, luogo di partenza per la deportazione, il Memoriale della Shoah di Milano. Si proseguirà, poi, con la Risiera di San Sabba, usata come campo di concentramento a Trieste, e, infine, con il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah (MEIS) di Ferrara, dove interverrà, a conclusione della giornata, il ministro Bianchi. In ogni tappa saranno presenti rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e dell’UCEI e ci sarà spazio per le testimonianze di superstiti come Sami Modiano, Edith Bruck, Andra e Tatiana Bucci, Gilberto Salmoni, e di familiari di sopravvissuti, come Gadi Schonheit e Armando Menachem Chaim. Sarà possibile partecipare e unirsi al Viaggio diffuso della Memoria, seguendo la diretta attraverso il link https://youtu.be/BRvxponKysA. Sui social il racconto sarà accompagnato dall’hashtag #ViaggiodellaMemoria.

“Il Giorno della Memoria è una celebrazione che vive dell’impegno delle comunità scolastiche e di tutti coloro che avvertono l’importanza del ricordo come argine al ritorno di ondate di odio e discriminazione inaccettabili. Solidarietà, rispetto, accoglienza: sono questi i valori ai quali educhiamo studentesse e studenti nelle nostre scuole. Lo facciamo attraverso la conoscenza, andando insieme a loro in luoghi che, nel secolo scorso, sono stati scenario di eventi terribili, incontrando persone che hanno vissuto quella violenza e oggi testimoniano la loro esperienza perché quanto accaduto non si ripeta”, ha dichiarato il Ministro Patrizio Bianchi.

Come ogni anno, il Ministero ha invitato tutte le istituzioni scolastiche a promuovere attività didattiche in occasione di questa ricorrenza. Materiali di approfondimento, oltre che l’archivio delle esperienze precedenti, sono disponibili sul sito https://www.scuolaememoria.it/site/it/home-page/, un portale realizzato dal Ministero, insieme all’UCEI, per fornire ai docenti e agli studenti uno strumento di formazione sui temi della Shoah e dell’antisemitismo.

A disposizione delle scuole, anche le “Linee Guida per il contrasto all’antisemitismo”, emanate lo scorso 14 gennaio, uno strumento concreto di supporto, elaborato da un Comitato Paritetico scientifico costituito nell’ambito del Protocollo d’intesa, sottoscritto il 27 gennaio 2021, tra il Ministero dell’Istruzione, la Coordinatrice nazionale per la lotta contro l’antisemitismo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’UCEI (https://www.miur.gov.it/web/guest/-/linee-guida-sul-contrasto-all-antisemitismo-nella-scuola).

Il concorso "I Giovani ricordano la Shoah"

Ieri mattina, inoltre, il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI) Noemi Di Segni hanno premiato le studentesse e gli studenti delle scuole vincitrici del concorso “I giovani ricordano la Shoah”, per l’anno scolastico 2021/2022. L’evento, che si è tenuto presso il Palazzo dell’Istruzione, ha aperto le celebrazioni per il Giorno della Memoria. La premiazione si è svolta online, con le scuole collegate a distanza e una delegazione di studentesse e studenti presente al Ministero. L’incontro è stato moderato da Sira Fatucci, Responsabile Antisemitismo e Memoria della Shoah dell’UCEI.

Il concorso, giunto alla sua XX edizione, è promosso ogni anno dal Ministero dell’Istruzione, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, in collaborazione con l’UCEI. L’iniziativa è rivolta a tutte le scuole del primo e del secondo ciclo, con l’obiettivo di promuovere l’approfondimento e la riflessione sulla Shoah tra le studentesse e gli studenti.

Le scuole vincitrici

Scuola primaria: Classe III B dell’Istituto Comprensivo “Santo Calì”, Scuola Primaria “Pietro Scudieri” di Linguaglossa (CT), titolo dell’elaborato: “L’Europa unita...un dono inestimabile”

Scuola secondaria di I grado: Classe III C dell’Istituto Comprensivo “Santa Caterina” di Cagliari, titolo dell’elaborato: “La notte porta consiglio”.

Scuola secondaria di II grado: Classe V AL dell’Istituto di Istruzione Superiore “Via Copernico” di Pomezia (RM), titolo dell’elaborato: “Shoah e discriminazioni: storie di ieri e di oggi”.

Menzioni: Scuola primaria: Classi V A e V B della Direzione Didattica “Ilaria Alpi” di Fidenza (PR), titolo dell’elaborato: “Il valore delle parole”; Scuola secondaria di I grado: Classi II C, IIIC e III A dell’Istituto Comprensivo “Rita Levi-Montalcini” di Noceto (PR), titolo dell’elaborato: “La valigia blu”; Scuola secondaria di II grado: Classi IV C e II G del Liceo Coreutico - Classico “Tito Livio” di Milano, titolo dell’elaborato: “La scelta di Edith”; Scuola secondaria di II grado: Classi V B, V E e V F dell’Istituto di Istruzione Superiore “Don Milani” di Rovereto (TN), titolo dell’elaborato: “Tra Memoria e Futuro: un sogno chiamato Europa”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook