Mercoledì, 17 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Diciotto anni fa il San Valentino più triste: nel 2004 il misterioso addio di Marco Pantani L'INCHIESTA

Diciotto anni fa il San Valentino più triste: nel 2004 il misterioso addio di Marco Pantani L'INCHIESTA

Oggi - proprio nel giorno di San Valentino - saranno 18 anni dalla morte di Marco Pantani e mentre Cesenatico - e lo stuolo di innamorati del campione romagnolo sparsi per l’Italia e il mondo - si prepara ad una commemorazione in chiesa, organizzata dalla famiglia, la terza indagine sulla fine del 'Pirata' prosegue. È stato infatti interrogato dai carabinieri di Rimini, nei giorni scorsi, il tassista che asserisce di aver accompagnato due donne al residence 'Le Rose' di Rimini, dove il 14 febbraio 2004 il campione di ciclismo fu trovato senza vita. Il tassista avrebbe confermato l’episodio ma le generalità delle due donne sono ancora tutte da confermare.

La riapertura dell'inchiesta e la lotta di Mamma Tonina

A spingere per la riapertura di una terza indagine, dopo che le due precedenti avevano archiviato il caso come morte causata  da un mix di droga e farmaci, è Tonina Belletti, la mamma di Pantani che, lo scorso 4 febbraio, era stata sentita dai militari per tre ore e mezza. Agli uomini del nucleo investigativo del reparto operativo di Rimini, la madre dello scalatore - capace di vincere Giro d’Italia e Tour de France nello stesso anno, il 1998 - aveva detto che, «Marco non era solo la notte che è morto, con lui c'erano due escort». Ad ogni modo il nuovo fascicolo della Procura di Rimini, che ha archiviato l’ultima indagine nel 2015 è ancora oggi, anche dopo nuove testimonianze, disposto su modello 45 che viene utilizzato per l’iscrizione di un fascicolo nel registro degli atti non costituenti notizie di reato.

Possibili nuovi reati

Nei prossimi giorni, si capirà se dopo la testimonianza del tassista sarà possibile ipotizzare nuovi reati come l’omissione di soccorso a carico di persone da identificare. Al termine della prima indagine, nel 2005 per il reato di morte conseguenza ad altro reato, ossia lo spaccio che causò l’overdose di Pantani Fabio Miradossa e Ciro Veneruso patteggiarono condanne rispettivamente a 4 anni e 10 mesi e 3 anni e 10 mesi mentre la seconda indagine si chiuse nel 2016, dopo nuove perizie medico legali, confermando sostanzialmente le risultanze della prima.

La commemorazione odierna

Al di là del riverbero giudiziario della morte del ciclista romagnolo, Cesenatico, e l’intero pianeta delle due ruote, sono pronti a commemorarlo oggi a 18 anni dalla scomparsa. Epicentro del ricordo, la sua città natale in cui sono attesi appassionati da tutta la Penisola. Il cimitero - che sarà aperto dalle 7 alle 17 - è storicamente meta di tante persone che accorrono in sella ad una bicicletta ma anche lo 'Spazio Pantani', museo gestito dalla famiglia a fianco della stazione ferroviaria, il monumento in bronzo dedicato a Marco in Piazza Marconi o il celebre chiosco di piadine appartenuto alla famiglia figurano tra i luoghi in cui indirizzare un pensiero al 'Pirata' con la bandana gialla. A sera, alle 20, infine, si terrà una messa nella chiesa di San Giacomo sul porto canale della cittadina romagnola disegnato da Leonardo da Vinci.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook