Lunedì, 04 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Abusivi "sfrattano" un'anziana e ristrutturano la casa

Abusivi "sfrattano" un'anziana e ristrutturano la casa

I lavori di ristrutturazione dell’appartamento sono visibili anche dall’esterno. Nuovi infissi spuntano dai balconi dell’appartamento di via Egiziaca a Pizzofalcone 35, a Napoli, dal quale un gruppo di abusivi ha cacciato via nel novembre scorso la legittima inquilina. La donna, Carlotta T., un’ex professoressa di 90 anni, si allontanò per qualche giorno, dovendo svolgere degli accertamenti medici.

Al rientro a casa, il 25 novembre, trovò i suoi mobili abbandonati in strada, e le serrature della porta cambiate. Da allora - nonostante impegni e promesse di ripristino della legalità da parte delle autorità locali e nazionali - non ha potuto tornare nella propria abitazione e vive da una nipote in provincia di Avellino. I residenti del palazzo di fine cinquecento, un ex Convento in passato oggetto di attenzione da parte della Soprintendenza, che si trova nella zona dove la Rai ha ambientato la fiction «I bastardi di Pizzofalcone», non ci fanno molto caso. Sono ben 44 gli appartamenti occupati nel grande edificio di proprietà del Demanio, che nel 2017 lo ha ceduto al Comune di Napoli. Alcune occupazioni risalgono ad una ventina di anni fa, e gli inquilini senza titolo sarebbero disposti a legalizzare la propria posizione pagando un canone.

Ma circa 20 appartamenti furono occupati con un blitz in una sola giornata, il 4 maggio 2002, da soggetti che hanno subaffittato a migranti di varie nazionalità e poi vi hanno trasferito amici e parenti. Da allora gli inquilini legittimi vivono nella paura di nuove occupazioni e c'è chi non lascia l’appartamento neanche per poche ore temendo di trovarvi gli abusivi dentro. Con gli occupanti abusivi, per rendere più difficile sgomberi, peraltro mai tentati in tutti questi anni, ci sono dei bambini. Gli allacciamenti alle reti elettriche ed idrica sono quasi tutti abusivi. Il canone al Comune non lo paga nessuno.

Impossibile anche fare rispettare l’ordinanza del Comune che aveva imposto di lasciare libero dalle auto il cortile di ingresso dell’ edificio utilizzato come parcheggio. A poche centinaia di metri dal palazzo delle occupazioni abusive ci sono una caserma della Polizia, dove ha sede il reparto Mobile, la Prefettura di Napoli ed il Tribunale Militare, ma il rispetto delle regole nell’edificio di via Egiziaca a Pizzofalcone sembra impossibile. L’amministrazione comunale, interpellata dall’ANSA, fa sapere che segue la vicenda delle case occupate con grande attenzione, in coordinamento con la Prefettura, cui spetta emanare i provvedimenti di sgombero. Quanto ai lavori di ristrutturazione avviati dagli occupanti abusivi dell’appartamento dell’ anziana, che sono in corso da mesi, la Polizia Municipale effettuerà un sopralluogo prima di adottare gli opportuni provvedimenti.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook