Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Napoli: freddato in auto Pasquale Angellotti, boss del quartiere di Miano

Napoli: freddato in auto Pasquale Angellotti, boss del quartiere di Miano

E’ Pasquale Angellotti, 54 anni, detto "Lino 'o cecato", l’uomo trovato senza vita in un’auto di una traversa in via Liguria a Napoli. Pluripregiudicato, era libero da quattro anni e per anni è stato il braccio destro dei fratelli boss Lo Russo. Da oltre un anno gestiva il clan, detto dei Capitoni e una volta egemone nel quartiere di Miano, come unico boss. Angellotti è stato imputato per il duplice omicidio di Salvatore Manzo e Giuseppe D’Amico, avvenuto nel giugno del 2004, e per l’omicidio di Raffaele Calcagno, nel comune di Ercolano. In entrambi i processi è stato poi assolto.

 Angelotti era nella sua auto quando è stato affrontato dai sicari in una strada stretta del quartiere. Ha tentato di sfuggire all’agguato, come testimonia la marcia da lui ingranata, ma non c'è riuscito. Almeno 9 i colpi sparati contro di lui, rompendo i vetri della 500. Diversi quelli andati a segno. Oltre ai rilievi della polizia Scientifica, agenti stanno anche acquisneto eventuali immagini da telecamere di videosorveglianza dell’area.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook