Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Diciannove anni fa la strage di Nassirya, il ricordo delle vittime messinesi Giovanni, Ivan e Alfio

Diciannove anni fa la strage di Nassirya, il ricordo delle vittime messinesi Giovanni, Ivan e Alfio

Diciannove anni fa la tragedia di Nassirya. Un camion bomba uccise 30 persone. Dodici erano militari appartenenti all’Arma dei Carabinieri. "L'anniversario della strage, come accade ogni anno, rinnova il dolore di una ferita mai rimarginata, una sofferenza, però, sempre accompagnata da un grande orgoglio per l’eroico sacrificio di mio padre che, come i suoi commilitoni caduti nello stesso eccidio, era consapevole del pericolo che correva, ma non si è sottratto all’esercizio del dovere fino in fondo, fino all’estremo sacrificio".

Con queste parole, Marco Intravaia, figlio del vicebrigadiere dei Carabinieri Domenico, ricorda la strage del 12 novembre 2003, durante le commemorazioni. "A volte, quando lo sconforto prende il sopravvento, mi chiedo il perché di quanto accaduto e perché proprio a me. Ma poi penso a mio padre e a tutti gli altri caduti all’estero nella lotta al terrorismo e so che rifarebbero le stesse scelte, perché soltanto facendo bene il proprio dovere e servendo con fedeltà lo Stato, potremo donare un mondo e una società migliori ai nostri figli. I caduti a Nassiriya, così come tutti coloro che hanno immolato la vita alla Patria, possono essere definiti eroi. Eroi di oggi. Eroi che sono padri, figli e mariti con le loro fragilità e paure, ma che non si lasciano mai sopraffare da esse, onorando, quotidianamente, il giuramento prestato alla Repubblica".

Il ricordo delle vittime siciliane, tre i messinesi caduti

Tra le vittime Giovanni Cavallaro, 47 anni, nato in provincia di Messina e residente a Nizza Monferrato, Maresciallo in servizio al Comando Provinciale di Asti;  Alfio Ragazzi, 39 anni di Messina, Maresciallo dei Carabinieri in servizio al RIS di Messina; Ivan Ghitti, 30 anni, milanese ma originario di San Fratello (ME), Carabiniere del 13° Reggimento Gorizia.

Altissimo fu il tributo di sangue pagato dalla Sicilia che vide il sacrificio di sette suoi figli. Oltre a  Cavallaro, Ragazzi e Ghitti anche Giuseppe Coletta, brigadiere di Avola; ; Domenico Intravaia, vice brigadiere di Palermo; Horacio Majorana carabiniere scelto, di Catania; Emanuele Ferraro, caporal maggiore scelto di Carlentini”.

Meloni, "Data scolpita nel cuore"

«Nella Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace, a nome di tutto il Governo rivolgo il più sentito e commosso ricordo a tutti i caduti italiani, civili e militari, che hanno sacrificato la propria vita operando, con onore e dedizione, fino all’estremo sacrificio, nei teatri operativi nei quali l’Italia è stata impegnata nel mondo», afferma Meloni. «Il 12 novembre 2003 è una data che rimarrà, insieme ad altre, scolpita per sempre nel cuore e nella mente degli italiani. In quella tragica giornata persero la vita in Nassirya diciannove italiani, militari e civili impegnati, insieme ad alcuni operatori iracheni, nella missione di pace Antica Babilonia. È questa una data che ha segnato indelebilmente le nostre coscienze. Per questo, ogni anno, il 12 novembre assurge a ricordo non solo delle vittime di Nassirya, ma di tutti i caduti italiani, civili e militari, nelle missioni internazionali», conclude.

«L'Italia repubblicana svolge, dagli anni Cinquanta, missioni internazionali nei teatri operativi, anche quelli più complessi, nei quali le nostre Forze Armate, accanto al personale civile, rappresentano con la loro professionalità e umanità una garanzia di sviluppo democratico e di pace. A tutt'oggi sono in corso varie missioni che vedono impegnati in prima linea i nostri uomini e donne per garantire la pace, la sicurezza e il rispetto dei diritti umani in contesti difficili. Il sacrificio dei nostri caduti è un patrimonio della comunità nazionale e internazionale e il loro ricordo è un impegno che tutti dobbiamo onorare, con deferenza e riconoscenza», aggiunge.

Le celebrazioni

Oggi a Roma è in programma un ricco programma di eventi commemorativi, come la deposizione di una corona di alloro sul monumento dedicato ai caduti di Nassiriya al Parco Schuster. All’Altare della Patria, il Ministro della Difesa, Guido Crosetto deporrà a sua volta una corona d’alloro. In programma anche una Messa presso la Basilica di Santa Maria in Aracoeli celebrata dall’Ordinario militare monsignor Santo Marcianó.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook