Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca L'arresto di Messina Denaro a Palermo, Meloni: "Lotta alla mafia senza tregua". Plauso di Mattarella

L'arresto di Messina Denaro a Palermo, Meloni: "Lotta alla mafia senza tregua". Plauso di Mattarella

"La lotta alla mafia proseguirà senza tregua", la reazione della premier Giorgia Meloni alla notizia dell'arresto, nella clinica Maddalena di Palermo, del super latitante e capo di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. «I miei più vivi ringraziamenti, assieme a quelli di tutto il governo, vanno alle forze di polizia, e in particolare al Ros dei Carabinieri, alla Procura nazionale antimafia e alla Procura di Palermo per la cattura dell’esponente più significativo della criminalità mafiosa». «Il governo - prosegue la presidente Meloni - assicura che la lotta alla criminalità mafiosa proseguirà senza tregua, come dimostra il fatto che il primo provvedimento di questo esecutivo - la difesa del carcere ostativo - ha riguardato proprio questa materia».

Mattarella sente Piantedosi e si congratula

«Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha telefonato questa mattina al Ministro dell’Interno e al Comandante dell’Arma dei Carabinieri per esprimere le sue congratulazioni per l’arresto di Matteo Messina Denaro, realizzato in stretto raccordo con la Magistratura». Lo si legge in una nota del Quirinale.

Piantedosi, l'arresto di Messina Denaro grandissima soddisfazione

«Grandissima soddisfazione per un risultato storico nella lotta alla mafia». Così il ministro dell’interno Matteo Piantedosi appena appresa la notizia dell’arresto di Matteo Messina Denaro al suo arrivo ad Ankara per incontrare il suo omologo turco. «Complimenti - ha aggiunto - alla Procura della Repubblica di Palermo e all’Arma dei Carabinieri che hanno assicurato alla giustizia un pericolosissimo latitante. Una giornata straordinaria per lo Stato e per tutti coloro che da sempre combattono contro le mafie».

Salvini: "Bella giornata, grazie agli uomini e donne dello Stato"

«Dopo trent'anni di latitanza è finito in manette il superboss Matteo Messina Denaro. E’ con profonda emozione che ringrazio le donne e gli uomini dello Stato che non hanno mai mollato, confermando la regola che prima o poi anche i più grandi criminali in fuga vengono braccati e assicurati alla giustizia. E’ una bella giornata per l’Italia e che serve da ammonimento per i mafiosi: le istituzioni e i nostri eroi in divisa non mollano mai». Lo dice il vicepremier Matteo Salvini.

Crosetto, grazie al Ros e ai magistrati

"Arrestato Matteo Messina Denaro! Complimenti alle forze dell’ordine, alla magistratura, alle migliaia di persone che ogni giorno, in silenzio, lavorano per difendere la giustizia. Grazie ai ROS ed ai magistrati per il loro lavoro!". Così su Twitter il ministro della Difesa Guido Crosetto.

La Russa, la lotta alla mafia non conosca tregua

«Desidero rivolgere il mio sincero ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito all’arresto di Matteo Messina Denaro, la cui cattura è una notizia bellissima per la nostra nazione. All’indomani dell’anniversario dell’arresto del capo dei capi Totò Riina, magistratura e Forze dell’ordine hanno inferto oggi un altro colpo durissimo alla criminalità organizzata. Bene così, la lotta alla mafia non conosca tregua». Così il presidente del Senato, Ignazio La Russa.

Fontana, oggi ha vinto lo Stato

«Desidero esprimere i sentimenti della più viva soddisfazione per la cattura di Matteo Messina Denaro e rivolgere a tutte le istituzioni e all’Arma dei Carabinieri la più sentita riconoscenza per questo risultato straordinario. Oggi hanno vinto lo Stato e gli italiani che credono nei valori della legalità e della giustizia. Un pensiero commosso va a tutte le vittime della mafia, alle loro famiglie e a tutti i magistrati che hanno sacrificato la propria vita nella lotta alla criminalità organizzata come i giudici Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e il Beato Rosario Livatino». Lo dichiara in una nota il presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana.

Metsola, oggi il mondo è più sicuro

«Il mondo è un po' più sicuro oggi». Lo scrive su Twitter la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, rilanciando il tweet del ministro degli Esteri, Antonio Tajani, sull'arresto del boss Matteo Messina Denaro.

Schifani, oggi vince Sicilia onesta

«Oggi è un grande giorno per la Sicilia e per l’Italia intera, l’arresto di Matteo Messina Denaro è un colpo durissimo inflitto alla mafia. Tutti devono sapere che in questa terra non ci possono essere spazi né di illegalità né d’impunità». Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani dopo l’arresto del boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro. «Esprimo a nome mio e della giunta - aggiunge - un sincero ringraziamento alle forze dell’ordine e alla magistratura È la conferma che lo Stato c'è e che prima o poi tutti i mafiosi vengono assicurati alla giustizia. Oggi tutti i siciliani onesti devono festeggiare, da domani sarà opportuna una riflessione per capire come sia stato possibile che uno dei mafiosi più pericolosi sia rimasto in circolazione per più di trent'anni».

Occhiuto: colpo durissimo a Cosa Nostra, grazie ai Carabinieri

«L'arresto di Matteo Messina Denaro rappresenta un colpo durissimo a Cosa Nostra. Dopo 30 anni di latitanza finisce la storia criminale di uno dei boss mafiosi più influenti e pericolosi. Grazie ai Carabinieri del Ros e agli uomini dello Stato che hanno reso possibile questa cattura». Lo scrive su Twitter Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

Musumeci, oggi giornata di riscatto per la Sicilia

«Vince lo Stato! È una giornata meravigliosa per l’Italia. È una giornata di riscatto per la Sicilia. A trent'anni dall’arresto di Riina. Complimenti ai carabinieri dei Ros che non si sono mai fermati per assicurare alla giustizia questo pericoloso latitante». Lo dichiara il ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare, Nello Musumeci, dopo l’arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro.

Antoci, oggi il sole splende più forte e più caldo

"Un grande risultato una grande vittoria dello Stato complimenti ai Carabinieri del Ros e al suo Comandante Generale Pasquale Angelosanto, Complimenti al Procuratore De Lucia e a tutta la Procura Distrettuale Antimafia di Palermo, oggi il sole splende più forte e più caldo. Evviva". Così Giuseppe Antoci, presidente Onorario della Fondazione Caponnetto ex presidente del Parco dei Nebrodi sfuggito ad un agguato mafioso nel 2016 grazie all’intervento armato degli uomini della sua scorta commentando l'arresto di Matteo Messina Denaro.

Il sindaco di Palermo Lagalla, giorno che resterà nella storia

«Palermo e la Sicilia stamattina si sono svegliate con la notizia dell’arresto del capomafia Matteo Messina Denaro: questo sarà un giorno che resterà nella storia del nostro Paese. La cattura del boss rappresenta una grande vittoria dello Stato e una svolta nella lotta che le Istituzioni e le Forze dell’ordine portano avanti nel contrasto al potere mafioso. Il mio sentito ringraziamento va ai Carabinieri del Ros, al procuratore della Repubblica di Palermo Maurizio De Lucia e ai suoi collaboratori che hanno condotto le indagini, e a tutte le donne e tutti gli uomini della Magistratura e delle Forze dell’ordine che, negli anni della latitanza del boss, hanno lavorato senza sosta per raggiungere oggi questo risultato». Lo dice il sindaco di Palermo Roberto Lagalla dopo l’arresto del boss latitante da oltre 30 anni.

Leoluca Orlando, l'arresto di Messina Denaro bellissima notizia

«L'arresto di Matteo Messina Denaro dopo decenni di latitanza è una bellissima notizia. È un’affermazione della legalità ed è finalmente una risposta dello Stato ad una organizzazione mafiosa militare che ha condizionato la vita della nostra Regione e dell’Italia e cade proprio 30 anni dopo l’arresto di Totò Riina nel gennaio '93. Un apprezzamento a Magistratura e forze dell’ordine che hanno condotto queste battaglia instancabilmente. In questo momento il ricordo va alle tante vittime della strage mafiosa che ha insanguinato Palermo e l’intera Sicilia nei decenni». Così in una nota l’ex sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Il sindaco Corleone, ora cittadini più liberi

Il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi, la giunta, il presidente del Consiglio comunale Pio Siragusa, i consiglieri comunali esprimono in una nota «grande soddisfazione per la brillante operazione del Ros dei carabinieri che ha portato all’arresto di Matteo Messina Denaro». «L'operazione condotta dall’Arma - dice il sindaco - segna una nuova importantissima vittoria dello Stato che, esattamente 30 anni dopo l’arresto di Salvatore Riina, dimostra ancora una volta la sua azione costante e pervasiva per liberare il Paese da ogni forma di criminalità organizzata e renderci cittadini più liberi».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook