Giovedì, 28 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo Il 2020 in Australia e Nuova Zelanda: le foto dei fuochi d'artificio

Il 2020 in Australia e Nuova Zelanda: le foto dei fuochi d'artificio

Gli abitanti di Kiribati e Samoa, nazioni insulari situate nel Pacifico meridionale, sono stati i primi a festeggiare il 2020.

Questi arcipelaghi tropicali, con una popolazione complessiva di poco più di 300 mila abitanti, hanno salutato il nuovo anno alle 11 (ora italiana) ed è entrato così il primo gennaio.

Poi è arrivato il turno degli abitanti dell’isola neozelandese di Chatham, situata a circa 680 chilometri a sud-est delle isole principali del Paese.

Il resto degli abitanti della Nuova Zelanda e la popolazione delle Isole Figi e Tonga hanno poi celebrato una quarantina di minuti dopo.

La Nuova Zelanda ha accolto il 2020 con fuochi d’artificio, spettacoli laser e musica nella capitale Wellington e ad Auckland, la città più popolosa del Paese, dove il nuovo anno riunisce migliaia di persone nell’iconica Sky Tower, un edificio alto 328 metri.

L’Australia, che ha ricevuto il capodanno in gran parte del Paese, ha annullato gli spettacoli pirotecnici nella capitale e in altre città a causa di incendi boschivi che bruciano principalmente nel sud-est.

Almeno 12 persone sono morte e oltre 3 milioni di ettari sono stati bruciati negli incendi, iniziati lo scorso luglio.

Sydney, la più grande città del paese, inaugura l’anno con fuochi d’artificio, anche se oltre 280 mila persone avevano richiesto la cancellazione in tutto il Paese a causa di incendi. Poi a festeggiare saranno il Giappone e la Corea del Sud, con i Paesi del sud-est asiatico contano gli ultimi minuti del 2019.

A Manila e in altre città delle Filippine, le autorità hanno fatto una campagna per ridurre il numero di petardi e botti alla vigilia di Capodanno.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook