Venerdì, 07 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo Ecco chi sono i latitanti più ricercati in Europa FOTO

Ecco chi sono i latitanti più ricercati in Europa FOTO

Sotto l'egida di Europol, l'agenzia europea di polizia, è stato creato un sito internet che raccoglie i ricercati più pericolosi. Alla realizzazione delle pagine web partecipano 28 Stati membri dell'Unione europea che aderiscono all'Enfast (European network of fugitive active search teams). Le funzionalità del sito prevedono le segnalazioni, anche anonime, su criminali di alto profilo ricercati a livello internazionale, condannati o sospettati di aver commesso reati gravi o attentati terroristici in Europa. I contenuti saranno gestiti e pubblicati dai Team nazionali Enfast.

Si è scelto di presentare una lista compatta con un numero ristretto di latitanti che verranno scelti e aggiornati in base alle priorità. Per l'Italia l'attività di aggiornamento delle pagine web e di coordinamento con gli altri team è svolta dalla Direzione centrale della polizia criminale -Servizio per la cooperazione internazionale di polizia (Scip).

Ecco l'elenco dei latitanti attualmente ricercati 

SEIDL, Stanislav nazionalità ceca, reati: favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, traffico illegale di armi, munizioni ed esplosivi e riciclaggio di proventi di reato, condannato a 6 anni di reclusione

Arrestato Francesco Pelle: era tra gli 8 latitanti più pericolosi insieme a due siciliani e un calabrese

HACHI, Farouk nazionalità francese, reati: rapina armata ed organizzata condannato a 20 anni di reclusione

PLANK, Zoltan nazionalità ungherese, reati: omicidio, lesioni personali gravi, rapina armata ed organizzata

FOCO, Tibor nazionalità austriaca, reati: omicidio, lesioni personali gravi. Tibor Foco è sospettato di aver ucciso una prostituta il 13 marzo 1986. Il 31 marzo 1987 è stato condannato all'ergastolo; il caso è stato nel frattempo riaperto. Il 27 aprile 1995, Tibor Foco è scappato di prigione mentre era in licenza per studiare.
Il Criminal Intelligence Service Austria offre una ricompensa di EUR 20.000

BEKETOVS, Alvis nazionalità lettone, reati: sfruttamento sessuale di minori e pornografia minorile. Nel 2015 Alvis Beketovs sotto effetto di alcolici ha commesso un atto di violenza sessuale contro una  minorenne.  Condannato a 11 anni di carcere.

SERICOV, Yuliy nazionalità russa, reati: sfruttamento sessuale di minori e pornografia minorile. Nel 2008 un totale di 5701 file contenenti pornografia infantile sono stati rintracciati nel laptop utilizzato esclusivamente dalla persona in questione mentre viveva a Limassol, Cipro. Sericov è riuscito a fuggire da Cipro prima di essere formalmente accusato dalla polizia e da allora è ricercato a livello internazionale tramite E.A.W. e avviso rosso.

ZIÓŁKOWSKI, Dariusz nazionalità polacca, reati: sfruttamento sessuale di minori e pornografia minorile, condannato a 4 anni di reclusione

YEON CHOY, TEOH nazionalità cinese, reati: partecipazione in associazione per delinquere, ricatto ed estorsione.  Nel gennaio 2003, TEOH Yeon Choy (soprannome: Suzuki, Tai Lau) ed un complice hanno minacciato il proprietario di un ristorante sottoponendolo a  pressioni. Ne consegue una rissa dove viene esploso un colpo con una pistola il quale ferisce gravemente Teoh. Dopo alcuni mesi di detenzione in Lussemburgo, TEOH viene rilasciato l'8 agosto 2003 prima dell'inizio del procedimento giudiziario. Alcuni anni dopo TEOH Yeon Choy viene condannato a 12 anni di reclusione per diverse accuse di estorsione.
In caso di arresto, Yeon TEOH deve scontare la reclusione per 11 anni e 167 giorni.

ZVINGULIS, Gatis nazionalità lettone, reati: omicidio, lesioni personali gravi. Gatis Zvingulis ha commesso un omicidio, pugnalando più volte la vittima con un coltello.

YUMBI, Saliboko nazionalità belga, reato: violenza sessuale.  Nel dicembre 2014, il fuggitivo adescava una vittima in un pub locale. Lui ed un complice successivamente seguono la vittima ottendendo l'accesso alla sua casa. La stessa notte entrambi gli uomini abusavano più volte della vittima femminile.
Per questo è stato condannato a 4 anni di reclusione. Nel marzo 2016, ancora una volta, il latitante adesca un'altra vittima in un pub, violentandolo in seguito.La vittima è stata minacciata con un coltello e il suo petto è stato bruciato. Per questo crimine è stato condannato a 11 anni di reclusione.noltre, il fuggitivo è stato anche condannato a 20 mesi di reclusione per reati di droga e 20 mesi di reclusione per violenza.

HOLLÓSI, Zoltán, nazionalità ungherese, reato: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope. Poiché voleva cambiare identità, il 36enne Hollosi  è arrivato ad essere dichiarato morto e registrato in Ucraina il 3 febbraio 2015 e successivamente è tornato in Ungheria. I suoi soci sono stati arrestati il ​​19 maggio 2015 per aver coltivato una piantagione di marijuana di ottima qualità in Ungheria, vicino al confine austriaco. All'inizio del procedimento penale il latitante è stato considerato testimone e intervistato. Ha usato lo pseudonimo sloveno di Maras Zoran e le autorità non hanno avuto la possibilità di riconoscere la sua vera identità in quella fase.Durante le indagini, le autorità hanno trovato un collegamento tra il fuggitivo e la piantagione, ma dopo il suo colloquio con un testimone è scomparso e da allora è in fuga. Condannato a 8 anni di reclusione

KALASUNAS, Edgaras nazionalità lituana,  reati: omicidio, lesioni personali gravi, partecipazione in associazione per delinquere.

ZEBA, KREŠIMIR nazionalità bosniaca, reato: nel 2010 accusato di tentato omicidio e condannato a 2,5 anni di reclusione

UZELAC, FRANJO nazionalità croata, reato: partecipazione in associazione per delinquere.

BUREK, Kamil nazionalità polacca, reati: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope, traffico illegale di armi, munizioni ed esplosivi e partecipazione in associazione per delinquere.

MESSINA DENARO, Matteo nazionalità italiana, reati: omicidio, lesioni personali gravi,partecipazione in associazione per delinquere. Condannato all'ergastolo. E’ ricercato per aver preso parte all’organizzazione mafiosa, denominata “Cosa nostra”, nonché per i reati di omicidio, strage, detenzione e porto di materie esplodenti.

JEREMIAS EMIL OLAVI, VÄRTINEN nazionalità finlandese, reati: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope.

MARSALEK, Jan nazionalità austriaca, reati: frode, inclusa quella che lede gli interessi finanziari dell'Unione europea ai sensi della Convenzione del 26 luglio 1995 sulla tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee , truffa.

PUZYREVICH, Elena nazionalità russa, reato: traffico di esseri umani. È stata condannata in primo grado alla pena di cinque anni di reclusione per il reato di detenzione illegale, due anni e sei mesi di reclusione per il reato di istigazione alla prostituzione e alla pena di cinque anni di reclusione per il delitto contro i diritti di cittadini stranieri, successivamente ratificato dalla Corte Suprema.

VINUEZA MORALES, Antonio Vladimir nazionalità ecuadorena, reato: violenza sessuale, condannato a 15 anni di reclusione. Antonio Vladimir VINUEZA MORALES ha abusato sessualmente e violentato sua figlia quando aveva 10 anni. Questo comportamento si è verificato tra il 2001 e il 2006.

CIUCHEȘ, Miluț - Liviu nazionalità rumena, reati: tentato omicidio, omicidio, lesioni personali gravi, rapina armata ed organizzata, partecipazione in associazione per delinquere.

QATRA, Amin nazionalità afgana, reati: omicidio e lesioni personali gravi. Amin Qatra è ricercato per l'omicidio commesso il 1  giugno 2016 a Vejle, Danimarca, dove ha tagliato la gola alla vittima.

OUALI, KARIM nazionalità francese, reati: omicidio e lesioni personali gravi. Il 27 aprile 2011, lavorando come controllore del traffico aereo all'aeroporto di BALE / MULHOUSE (Francia), Karim Ouali ha ucciso uno dei suoi colleghi con un'ascia amerindia.Soffriva di mania di persecuzione ed era in uno stato psicotico. Dopo aver commesso l' omicidio è fuggito. Ha tatuaggi tribali sul petto e sulla testa e un beautymark sulla guancia destra.

MITREV, Plamen Ivanov nazionalità bulgara, reato violenza sessuale. Per il periodo compreso tra il 30.10.1997 e il 09.11.1997 ha rapito, violentato con l'uso della forza e condotto alla dissolutezza quattro diverse donne. È stato condannato per ciascuno dei crimini commessi e la pena più severa è stata di 14 anni di carcere per gli stupri.

OKOLICANY, Robert nazionalità slovacca, reato: associazione a delinquere. Condannato all'ergastolo

HAMID, NOUR EDDINE G Ibrahim nazionalità libica, reati: omicidio, lesioni personali gravi. La vittima è stata trovata uccisa nella camera da letto del suo appartamento a St Paul's Bay l'11 marzo 2015. Le indagini hanno dimostrato che la vittima è stata uccisa nello stesso appartamento dal suo ex partner Hamid Nour Eddine G Ibrahim. L'autopsia ha dimostrato che la vittima è morta per un totale di cinque  ferite da taglio. Il signor Ibrahim è fuggito dalle isole maltesi l'11 marzo 2015, un paio d'ore prima che il cadavere fosse scoperto. È stato confermato che ha preso un volo in Italia, ma fonti affidabili hanno informato la polizia maltese che un mese dopo è stato visto a Dublino, in Irlanda, che è l'ultima sua posizione nota.

KANYS, Renaldas nazionalità lituana, reati: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope, omicidio, lesioni personali gravi, partecipazione in associazione per delinquere .

UDDIN, Rouf nazionalità bengalese, reati: omicidio, lesioni personali gravi. Condannato dalla corte d'assise di Bruxelles a 30 anni di reclusione per omicidio colposo.

KOTLYAROVA, Natalia nazionalità russa, reatiL  traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope. Condannata a 13 anni di reclusione

HERZI, Mohammed nazionalità tunisina reati: rapimento, sequestro illegale e presa di ostaggi, violenza sessual, traffico di esseri umani.

REMMO, Abdul Majed nazionalità tedesca, reati: incendio doloso e rapina armata ed organizzata.

MEMET, Ali - Gener nazionalità rumena, reato: traffico di esseri umani. Condannato a 7,2 anni di reclusione. A inizio ottobre 2016, con la promessa di offrire un lavoro in Germania, ha trasportato la vittima in Germania, città di Bottenborn, e l'ha tenuta in un appartamento dove l'ha costretta ad avere rapporti sessuali con uomini.

MOTISI, Giovanni nazionalità italiana reati: micidio, lesioni personali gravi, associazione a delinquere. Condannato all'ergastolo. E’ ricercato per aver preso parte all’organzizzazione mafiosa, denominata “Cosa nostra”, nonché per i reati di omicidio, strage ed altro.

VAN DER SOMMEN, Tommy  nazionalità olandese, reato: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope. Condannato a 9 anni di reclusione

KOSURGELI, Mustafa nazionalità turca, reati: omicidio e lesioni personali gravi. La vittima è stata trovata assassinata il 4 giugno 2011, nel suo appartamento in affitto a St Paul's Bay, e in cui risiedeva con la sua compagna nazionale turca Mustafa Kosurgeli, che a quel tempo aveva 29 anni. L'autopsia ha dimostrato che la vittima è stata assassinata il 2 giugno 2011 ed è morta a causa di molteplici coltellate in varie parti della parte superiore del corpo. L'inchiesta ha dimostrato che il sig. Kosurgeli è fuggito dalle isole maltesi lo stesso giorno in cui la vittima è stata uccisa, su un volo per Istanbul, in Turchia.

BOROJEVIĆ, Daniel nazionalità slovena, reato: rapina armata ed organizzata.

BURRELI, Aleks  nazionalità albanese, reati: ncendio doloso, omicidio elesioni personali gravi.

HONRADA, Elizabeth Dizon  nazionalità filippina, reati: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope. Condannata a 5 anni di reclusione

MORENO JIMENEZ, Diego  nazionalità spagnola, reati: traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope.

KUZMYN, Davit nazionalità ucraina, reati: riciclaggio di proventi di reato, partecipazione in associazione per delinquere, rraffico di veicoli rubati

HASSAN, Mohamad Ahmed nazionalità somala, reati: omicidio, lesioni personali gravi.

KOHNEPUSHI, Aram  nazionalità iraniana, reati: rrode, inclusa quella che lede gli interessi finanziari dell'Unione europea ai sensi della Convenzione del 26 luglio 1995 sulla tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee.

PETKOVSKI , Anton Zhivkov nazionalità bulgara, reato: tentato omicidio. Condannato all'ergastolo.

 

© Riproduzione riservata

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook