Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo Ucraina, ucciso comandante battaglione aereo russo. Putin: "Pronti al dialogo. Ma basta armi a Kiev"

Ucraina, ucciso comandante battaglione aereo russo. Putin: "Pronti al dialogo. Ma basta armi a Kiev"

Il presidente francese Macron e il cancelliere tedesco Scholz hanno chiesto a Putin di intavolare "negoziati diretti e seri" con Zelensky, ma il Cremlino si è limitato a dire che "la Russia è pronta a riprendere il dialogo con l'Ucraina". Nella stessa telefonata Putin ha detto che è pronto a facilitare soluzioni per l'esportazione senza ostacoli del grano, incluso quello ucraino, dai porti sul Mar Nero, infestato da mine e presidiato da navi e sottomarini russi.

L'Ue sta valutando di lanciare una missione per scortare le navi di grano: la possibilità sarà esaminata nel vertice di lunedì a Bruxelles.

"Lavoriamo tutti i giorni per rafforzare la nostra difesa, a partire dalla fornitura armi. Naturalmente molto dipende dai nostri partner, da quanto sono pronti a fornire all'Ucraina tutto il necessario per difendere la libertà. E io mi aspetto buone notizie a riguardo già la prossima settimana", annuncia Zelensky su Telegram.

La cronaca della giornata

21.44 Lavrov, cittadini decideranno futuro delle zone liberate - Il futuro dei territori dell’Ucraina dove la Russia sta conducendo la sua operazione militare speciale dovrebbe essere deciso dai loro cittadini». Lo ha detto il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, in un’intervista alla tv francese Tf1 ripresa dalla Tass. «Non credo che saranno felici di essere di nuovo governati dal regime neonazista che ha rivelato la sua natura totalmente russofoba. Tocca ai cittadini stessi decidere», ha aggiunto.

21.34 Lavrov, priorità assoluta è liberazione Donbass - «La nostra priorità assoluta è la liberazione di Donetsk e Lugansk, che sono ormai riconosciute dalla Russia come Stati indipendenti». Lo ha detto il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, al canale all news francese Lci.

21.31  Lavrov, porte al dialogo con Occidente non sono chiuse - La Russia non crede che le porte per la ripresa del dialogo con l’Occidente siano chiuse. Lo dice il ministro russo degli Esteri Serghei Lavrov in un’intervista con la tv francese Tf1 citato dalla Tass. Il presidente Vladimir Putin, aggiunge Lavrov, non rifiuta mai contatti con colleghi stranieri.

20.15 Donetsk, 'negoziati in corso per riconoscimento repubblica' - L’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk è trattative con diversi Paesi per il suo riconoscimento. Lo afferma, secondo quanto riporta la Tass, la sua ministra degli esteri Natalia Nikonorova: «Vedrete i risultati molto presto , la prossima settimana».

20.05 Zelensky, ho rimosso capo sicurezza Kharkiv -  Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, che ha visitato oggi le truppe a Kharkiv, ha annunciato su Telegram di aver rimosso il capo della sicurezza per la regione di Kharkiv, Roman Dudin. Il motivo, ha precisato il leader ucraino, è che Dudin non si è impegnato «per la difesa della città».

19.57 Negoziati Ue per ok embargo petrolio riprendono domattina - Gli ambasciatori dei Paesi membri si riuniranno domani mattina alle 9:30 per un ultimo tentativo di trovare l’intesa sull'embargo al petrolio russo prima dell’avvio dei lavori del vertice dei leader Ue, previsto alle 16. Si apprende da fonti diplomatiche Ue dopo la fumata nera del pomeriggio. A bloccare l’accordo è Budapest che, nonostante l’esenzione sul petrolio diretto all’Ungheria attraverso l’oleodotto Druzhba, si oppone all’embargo sostenendo che metterebbe in serio pericolo la sua economia. La proposta sul tavolo prevede l’entrata in vigore del divieto totale delle importazioni via mare entro la fine dell’anno.

19.26 Kiev, pesanti bombardamenti nelle regioni del Nord - Pesanti attacchi russi con bombe e mortai negli oblast di Sumy e Chernihiv. «Oggi la Russia ha colpito le regioni settentrionali dell’Ucraina 10 volte», ha riferito il servizio di guardia di frontiera, citato dal Kyiv Independent.

19.08 Slitta ancora accordo Ue sull'embargo al petrolio russo - Nuova fumata nera in Europa sull'embargo al petrolio russo incluso nel sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. A quanto si apprende da fonti Ue gli ambasciatori dei Paesi membri non hanno trovato l’accordo sulla proposta sul tavolo, che prevede un’esenzione per l’oleodotto dell’Amicizia (Druzhba), che porta greggio all’Ungheria e ai Paesi dell’Ue orientale. Domani i leader Ue riuniti a Bruxelles saranno informati degli sviluppi della discussione e una nuova riunione a livello degli sherpa sarà convocata la prossima settimana.

18.32 Autorità Mykolaiv, attacco improvviso a città è impossibile - Un attacco improvviso dei russi a Mykolaiv è impossibile perché i tempi sono lunghi e le difese della città sono pronte. Lo ha assicurato Vitaly Kim, capo dell’oblast di Mykolaiv, riporta Unian. «Per avanzare verso Mykolaiv devono prepararsi, avvicinarsi, muoversi. Posso tranquillamente dire che tra un mese o due non ci sarà nessuno a Mykolaiv e tra due o tre mesi non ci sarà nessuno a Odessa», ha detto Kim, sottolineando che la città è attrezzata per difendersi.

18.30 Media, nave russa arriva in Siria con grano ucraino rubato - Nuove immagini satellitari mostrano che un mercantile russo pieno di grano presumibilmente rubato dalle fattorie ucraine è arrivato nel porto siriano di Latakia. E' il suo secondo viaggio in quattro settimane, riporta la Cnn. Le nuove immagini, fornite da Maxar Technologies, mostrano la nave Matros Pozynich a Latakia il 27 maggio. È una delle tre navi che caricano grano nel porto di Sebastopoli in Crimea dall’invasione russa dell’Ucraina. È stata vista l’ultima volta a Sebastopoli il 19 maggio e successivamente è stata rilevata mentre transitava nello stretto del Bosforo e a sud lungo la costa turca. Si stima che la nave possa trasportare circa 30.000 tonnellate di grano.

18.18  Bozza vertice Ue, 'aiuti militari per integrità Ucraina' - Nella bozza aggiornata delle conclusioni del vertice europeo si conferma il supporto militare dell’Ue all’Ucraina ma, come nelle precedenti versioni, resta fuori dal testo un richiamo alla 'treguà. «L'Unione europea rimane impegnata a continuare a rafforzare la capacità dell’Ucraina nella difesa dell’integrità e della sovranità territoriale. A questo proposito, il Consiglio europeo accoglie con favore l’adozione della recente decisione del Consiglio di aumentare il sostegno militare in Ucraina nell’ambito del Fondo europeo per la pace», si legge nell’ultima bozza, visionata dall’Ansa.

18.16 Bozza vertice Ue, 'Russia sblocchi export agricolo ucraino' - «Il Consiglio europeo invita la Russia a porre fine ai suoi attacchi alle infrastrutture di trasporto in Ucraina, per revocare il blocco dei porti ucraini del Mar Nero e per consentire le esportazioni di cibo, in particolare da Odesa. L’Ue sta adottando misure attive per facilitare esportazioni agricole dell’Ucraina e per sostenere il settore agricolo ucraino in vista del stagione 2022. Il Consiglio europeo invita gli Stati membri ad accelerare il lavoro sulle 'corsie di solidarietà' proposto dalla Commissione». E’ quanto si legge nell’ultima bozza delle conclusioni del vertice europeo che esaminerà l’emergenza alimentare.

17.42 Esplosioni a Mykolaiv, un morto e due feriti - Un civile è morto e altri due sono rimasti feriti questa mattina a Mykolaiv pesantemente bombardata dai russi. Nuove esplosioni sono state udite nel pomeriggio in città, ha reso noto su Telegram il sindaco Oleksandr Sienkevych citato da Ukrinform. «Gli occupanti russi hanno di nuovo aperto il fuoco su un’area residenziale. Tre condomini sono stati danneggiati. Due civili sono stati feriti. Una persona è morta. Al momento esplosioni possono essere ancora udite», ha scritto Syenkevych.

17.41 Zelensky, condizioni in Donbass enormemente difficili - Le condizioni nel Donbass sono indescrivibilmente difficili": lo ha detto il presidente ucarino Voldymyr Zelensky in visita alle truppe al fronte nella città di Kharkiv, come riportano alcuni media internazionali. Zelensky ha quindi sottolineato lo sforzo in atto da parte delle forze di Kiev per tentare di resistere di fronte all’offensiva russa.

16.45 Ambasciatore Turchia, Papa apprezza sforzi mediazione Erdogan - «Papa Francesco apprezza gli sforzi del nostro presidente Erdogan per riconciliare Ucraina e Russia. Una soluzione può essere trovata solo attraverso la diplomazia e i negoziati, non attraverso la guerra. L’unico modo possibile per stabilire un cessate il fuoco e avviare i negoziati è attraverso la diplomazia». Lo afferma Lutfullah Goktas, ambasciatore di Turchia presso la Santa Sede, che ieri è stato ricevuto in udienza da papa Francesco al Palazzo Apostolico vaticano.

16.20 Zelensky a Kharkiv, 'orgoglioso di chi ci sta difendendo' - «Provo un orgoglio sconfinato per i nostri difensori. Ogni giorno, rischiando la vita, combattono per la libertà per l’Ucraina. Grazie a ciascuno di voi per il vostro servizio!». Lo ha postato su Fb il presidente ucraino Vlodymir Zelensky in visita a Kharkiv, dove ha visitato le forze di difesa del Paese. E’ la prima volta dall’inizio dell’invasione russa che il presidente ucraino si reca nell’est.

15.08  Via da Kiev - Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha visitato le truppe ucraine nella regione di Kharkiv, bombardata anche oggi dai russi. E’ la prima volta che il presidente lascia Kiev dal 24 febbraio, giorno di inizio dell’invasione russa.

13.10 L'auspicio di Erdogan - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato che domani, lunedì 30 maggio, intende telefonare al presidente russo Vladimir Putin e a quello ucraino Voldymyr Zelensky. Lo riporta la Tass

11.56  Cumuli di cadaveri a Mariupol - A Mariupol, i russi stanno accumulando cadaveri di ucraini uccisi in un supermercato: lo afferma su Telegram Petro Andriushenko, consigliere del sindaco, citato da Ukrinform. «Nei locali del Schyryi Kum supermarket sul viale Svobody, i russi hanno creato una discarica di corpi dei caduti ucraini riemersi dalle tombe quando hanno cercato di aggiustare le condotte d’acqua e anche cadaveri esumati. Li stanno accumulando come se fossero immondizia», scrive Andriushenko, postando anche una foto diffusa dal canale Telegram 'Mariupol Now', a testimonianza di quanto descrive.

10:45 Ue: sanzioni a Russia, nel pomeriggio riunione ambasciatori 27 - La riunione degli ambasciatori dei 27 (Coreper) è stata convocata per oggi, nel primo pomeriggio. Si tratta dell’ultimo incontro degli sherpa prima del vertice europeo straordinario che si terrà lunedì e martedì. E sul tavolo della riunione ci sarà la bozza delle conclusioni del Consiglio europeo e il dossier del sesto pacchetto di sanzioni alla Russia. Al momento, nel testo delle conclusioni non c'è alcun riferimento alle sanzioni e all’embargo al petrolio e, formalmente, il tema non è inserito negli ordini del giorno del summit dei leader. Ma l’Ue in queste ultime ore ha accelerato per trovare un compromesso che preveda l’esenzione dell’oleodotto Druzhba dall’embargo al petrolio, che porta greggio innanzitutto all’Ungheria

10:34 Mosca indaga presunti attacchi ucraini in territorio russo - In Russia il comitato investigativo "indagherà su nuovi attacchi al territorio russo» da parte dell’esercito ucraino, secondo quanto scrive la Tass. In particolare, le indagini riguardano due episodi, due "bombardamenti», attribuiti all’esercito di Kiev, sul villaggio di Gornal, nella regione di Kursk, e sul villaggio di confine di Zernovo, nella regione di Bryansk.

10:30 Ancora bombe sulla regione di Sumy - Le truppe di Mosca hanno bombardato di nuovo questa mattina la regione di Sumy, nel nordest dell’Ucraina, vicino al confine con la Russia: lo ha reso noto il comando operativo 'Nord’dell’esercito di Kiev, secondo quanto riporta l’agenzia Unian. Verso le 7:35 ora locale (le 8:35 in Italia) sono stati lanciati almeno 20 proiettili di artiglieria dal territorio russo verso il villaggio di Boyaro-Lezhachev. Per ora non si segnalano vittime.

08:20 Mosca premia soldati che hanno liberato Kransnyi Lyman - Il governo di Mosca ha premiato i soldati che si sono distinti nella liberazione della città di Kransnyi Lyman nella Repubblica Popolare di Donetsk, ora completamente sotto il controllo delle Forze Armate russe. Lo riferiscono le agenzie russe. I militari, ha fatto sapere il ministero della Difesa russo, sono stati premiati per il coraggio e l’eroismo mostrati durante la battaglia. «Ho l’onore di glorificarti, voi migliori figli della Patria. L’intero popolo russo è orgoglioso di voi, sarete ispirazione per i più giovani. Il nemico sarà sconfitto, la vittoria sarà nostra», ha detto il comandante del distretto militare centrale, il colonnello generale Alexander Lapin, consegnando i premi.

08:00 Ambasciatore russo, Mosca non userà armi nucleari tattiche - La Russia non utilizzerà le armi nucleari tattiche nella guerra contro l’Ucraina: ne è convinto l'ambasciatore russo nel Regno Unito, Andrei Kelin, secondo il quale esistono disposizioni molto rigide per l’utilizzo di queste armi. Intervistato dal programma Sunday Morning della Bbc, Kelin ha spiegato che secondo le regole militari russe, queste armi non vengono utilizzate in conflitti come quello in corso in Ucraina. L'uso delle armi nucleari tattiche, ha sottolineato, verrebbe preso in considerazione se la stessa esistenza dello Stato fosse minacciata, ma questo «non ha nulla a che fare con l’operazione in corso».

07:45 Le forze ucraine hanno distrutto oltre il 30% dei moderni carri armati russi dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio scorso: lo ha detto il consigliere del ministro dell’interno ucraino, Viktor Andrusiv, nel corso di un’intervista a Canale 24. «Prima della guerra contro l’Ucraina, la Russia aveva circa 3mila carri armati moderni e oltre il 30% di essi è stato distrutto dai nostri difensori in tre mesi di guerra. Tra sei mesi questa cifra potrà solo aumentare», ha detto Andrusiv confermando che Mosca è stata costretta a rimettere in servizio i vecchi carri armati di progettazione sovietica T-62, risalenti agli anni '70.

07:30 Kherson, per ora nessun referendum annessione - Non ci sarà un referendum per l'annessione alla Russia della regione ucraina di Kherson occupata finchè non cesseranno i combattimenti; lo ha detto il vice capo civile-militare dell’amministrazione nominata da Mosca, Kirill Stremousov, secondo quanto riporta il Guardian. «Annunceremo più avanti quando avrà luogo una sorta di votazione o plebiscito, ma non sarà oggi e non sarà domani perché il nostro compito principale è ristabilire l’ordine e organizzare un sistema amministrativo nella regione di Kherson», ha spiegato Stremousov.

06:30 Le forze armate ucraine sostengono di aver eliminato il comandante di un battaglione d’assalto aereo russo del 104esimo reggimento d’assalto aereo, il tenente colonnello Alexander Dosyagaev. Secondo quanto riporta l’agenzia Ukrinform, l’annuncio è stato dato dal Dipartimento per le comunicazioni strategiche delle Forze armate ucraine.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook