Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo Germania, scontri manifestanti-polizia alla miniera di carbone: Greta Thunberg rimossa con la forza

Germania, scontri manifestanti-polizia alla miniera di carbone: Greta Thunberg rimossa con la forza

Greta Thunberg, anche oggi nei pressi del sito di Luetzerath per protestare contro lo sgombero alla miniera di carbone, è stata allontanata con la forza dalla polizia tedesca. La ventenne si sarebbe seduta per un po' sul bordo di un muro che dà sulla miniera, provocando la preoccupazione degli agenti, che le hanno intimato di allontanarsi per la sua stessa sicurezza. Poiché la leader del movimento "Fridays for future" non ha seguito l’indicazione, i poliziotti l’hanno trascinata via per un breve tratto. Ieri Greta era alla testa di una manifestazione di 35 mila attivisti del clima nel Land del Nordreno Vestfalia. E Greta Thunberg in un post su Twitter ha scritto: «Un promemoria: le persone al potere non hanno bisogno di conferenze, trattati o accordi per iniziare a intraprendere una vera azione per il clima. Possono iniziare oggi. Quando un numero sufficiente di persone si unirà, il cambiamento arriverà e potremo ottenere quasi tutto. Quindi, invece di cercare la speranza, inizia a crearla».

Le proteste

Ma non è stata l'unica azione messa in atto dagli agenti . La polizia tedesca infatti ha dichiarato di aver quasi finito di sgomberare gli attivisti per il clima da un villaggio tedesco abbandonato che sta per essere raso al suolo per far posto a una miniera di carbone, mentre entrambe le parti si accusano reciprocamente di violenza.
In un’operazione iniziata mercoledì, centinaia di poliziotti hanno portato via circa 300 attivisti dal villaggio di Luetzerath, nella Germania occidentale. Inizialmente si pensava che lo sgombero sarebbe durato settimane, ma oggi la polizia ha dichiarato che solo due attivisti erano rimasti nel villaggio, rintanati in un tunnel sotterraneo. «Non ci sono altri attivisti nell’area di Lutzerath», hanno dichiarato. Il sito, che è diventato un simbolo della resistenza ai combustibili fossili, sabato aveva attirato migliaia di manifestanti, tra cui l’attivista svedese per il clima Greta Thunberg.
Gli organizzatori hanno dichiarato che c'erano 35.000 manifestanti, mentre la polizia ha stimato una cifra di 15.000 persone. Gli organizzatori della protesta hanno riferito che decine di persone sono rimaste ferite negli scontri con la polizia. Indigo Drau, portavoce degli organizzatori, ha dichiarato che la polizia è intervenuta con «pura violenza» nel tentativo di disperdere la manifestazione.
Gli agenti hanno picchiato «senza ritegno» i manifestanti, spesso alla testa, hanno detto gli organizzatori. Almeno 20 attivisti sono stati portati in ospedale per essere curati, ha dichiarato Birte Schramm, medico del gruppo. Alcuni di loro sono stati picchiati dalla polizia alla testa e allo stomaco.
La polizia ha dichiarato che circa 70 agenti sono stati feriti da mercoledì, molti dei quali negli scontri di sabato. «Siamo stati bersagliati da pietre, fango, fuochi d’artificio», ha dichiarato il portavoce della polizia Andreas Mueller. «Questo non rientra più nella cornice di una manifestazione pacifica», ha detto.
Diversi veicoli della polizia sono stati danneggiati, anche con lanci di pietre e graffiti, e un gran numero di pneumatici dei veicoli della polizia è stato tagliato. Dodici persone sono state arrestate o prese in custodia.
La polizia ha dichiarato che sono state avviate indagini per circa 150 casi, tra cui resistenza agli agenti di polizia, danni alla proprietà e violazione della pace. Molti degli attivisti si erano nascosti in case sugli alberi e sui tetti degli edifici nel tentativo di complicare le operazioni di evacuazione.
La polizia ha dichiarato di aver sgomberato 35 «strutture sugli alberi» e circa 30 costruzioni in legno.
Luetzerath - abbandonata da tempo dai suoi vecchi abitanti - sta per essere demolita per far posto all’ampliamento dell’adiacente miniera di carbone a cielo aperto. La miniera, già una delle più grandi d’Europa, è gestita dall’azienda energetica RWE. L’espansione sta andando avanti nonostante i piani di eliminazione graduale del carbone entro il 2030, con il governo che dà la colpa alla crisi energetica causata dall’invasione della Russia in Ucraina.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook