Domenica, 05 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Musica

Home Foto Musica Madame, Melozzi, Al Bano, Il Volo: Notte della Taranta, "pizzica della liberazione" - FOTO

Madame, Melozzi, Al Bano, Il Volo: Notte della Taranta, "pizzica della liberazione" - FOTO

La Notte della liberazione. L'edizione numero 24 de La Notte della Taranta inizia con la "pizzica della liberazione", un brano scritto dal maestro concertatore Enrico Melozzi, un inno che porta il ritmo della terra salentina, nato dopo i mesi difficili del lockdown. A seguire è la voce narrante di Al Bano  insieme alle due orchestre: l'Orchestra Popolare La Notte della Taranta e  l'Orchestra Notturna Clandestina a cantare il suo brano Na Na na.
Super ospiti il trio Il Volo con Calinitta in grico. Madame, maestra concertatrice, sul palco del concertone di Melpignano canta e balla, interpretando intensamente i brani della tradizione e il suo Marea,  riarrangiato per l'occasione con innesti del brano salentino "Aaria caddhipulina". 
Suggestiva e  intensa l'interpretazione di Rondinella, durante la quale l'artista indossa un abito straordinario interamente realizzato al telaio ideato dalla designer  Annalisa Surace di IJO'. Madame, canta, interpreta e scrive parole nuove, contemporanee, cantando l'amore sofferto del brano "Dici ca nu me voj ca su piccinna". Anche l'Orchestra Residente ricontestualizza brani della tradizione: con Fimmine Fimmine dal Salento arriva un messaggio di Pace. 
Il concerto si chiude  con pizzica di Aradeo regalando ancora una volta emozioni  al pubblico presente davanti ad una scenografia di luci e luminarie e dell'ex convento degli Agostiani a Melpignano, con le sue porte aperte per la prima volta nella serata de La Notte della Taranta. 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook