Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Musica

Home Foto Musica Eurovision, conclusa la seconda semifinale: Achille Lauro da standing ma è fuori dalla finale

Eurovision, conclusa la seconda semifinale: Achille Lauro da standing ma è fuori dalla finale

«Siete caldi?». Come Madonna nel leggendario concerto del 1987 a Torino, Laura Pausini ha salutato il pubblico del Pala Olimpico dando il via alla seconda semifinale dell’Eurovision Song Contest che ha decretato gli altri 10 finalisti che sabato sera si daranno battaglia per la vittoria finale. Belgio, Repubblica Ceca, Azerbaijan, Polonia, Finlandia, Estonia, Australia, Svezia, Romania, Serbia vanno a raggiungere Svizzera, Armenia, Islanda, Lituania, Portogallo, Norvegia, Grecia, Ucraina, Moldavia, Olanda che avevano già conquistato la finale martedì.

Hanno accesso diretto alla serata di sabato anche i Big Five Francia, Spagna, Gran Bretagna, Germania e Italia, con il duo Mahmood e Blanco. Per un totale di 25 Paesi. Grande delusione per San Marino che schierava Achille Lauro. Il cantante ha dato la scossa al palazzetto che è impazzito con la sua Stripper, ma non è bastato per convincere giurie e televoto. Esagerato, eccessivo, travolgente il cantante, si è presentato, tra vampate di fuoco, in tuta di pizzo nero trasparente e cappello da cowboy. Prima di salire sul toro meccanico, Lauro - ripetendo un gesto già visto a Sanremo - si è avvicinato al suo chitarrista Boss Doms per un bacio sulla bocca, mandando in fibrillazione il pubblico (e quello in sala stampa). Anche Emma Muscat per Malta, conosciuta in Italia per la sua partecipazione ad Amici, è rimasta fuori.

Ad Alessandro Cattelan l’onore di aprire la semifinale con un autoironico ritratto degli italiani - con la nomea di popolo al quale manca il rigore - alle prese con la preparazione di un grande evento come l’Eurovision. Poi la gara, come ormai il pubblico ha imparato, è corsa via veloce con i 18 Paesi in gara che si sono esibiti in un’ora e mezzo. Dal rock potente di Jezebel dei Rasmus per la Finlandia, allo scenografico Sheldon Riley per l’Australia con una sorta di abito da sposa e retina pesante a coprirgli il volto, agli scatenati romeni Wrs. L’Eurovision non ha dimenticato neppure stasera la crisi in Ucraina: Laura Pausini e Mika, invocando la pace, hanno intonato Fragile di Sting e People have the power di Patti Smith. C'è spazio anche per un omaggio al Festival di Sanremo, padre putativo dell’Eurovision: «E' la storia italiana, che va ricordata». E allora come il Royal Wedding in Gran Bretagna o il Giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti, Sanremo - da Domenico Modugno ai Maneskin - è la tradizione italiana. Ospite della serata Il Volo, in versione semi-virtuale con Gianluca Ginoble risultato positivo al Covid. Il trio ha trascinato il Pala Olimpico con una versione rock di Grande amore, con cui vinse Sanremo nel 2015 e poi partecipò all’Eurovision. Alle 23.15 i saluti di rito, ma l’eliminazione di Achille Lauro lascia l’amaro in bocca.

Mahmood e Blanco

«Gli avversari da temere? Solo noi stessi». Mahmood e Blanco si stanno preparando per la finale. I bookmakers li danno sul podio e loro non sembrano preoccupato del confronto con gli altri. «Sia che arriviamo secondi oppure settimi, dobbiamo fare bene per avere la coscienza a posto». L’Ucraina vola alto nelle preferenze «e va bene così. Il ritmo ti rimane in testa, la canzone piace, non è solo questione di geopolitica», spiega Mahmood che già nei giorni scorsi aveva dato il suo sostegno al Paese martoriato.

Il palco del Pala Olimpico non sarà quello dell’Ariston, dove la loro «Brividi» ha conquistato pubblico e critica. «A Sanremo sei a casa, sono sensazioni molto diverse. Ma siamo molto felici e carichi di essere qui. In Italia, a casa. Per una volta si dà importanza al nostro Paese». Eppure c’è chi rema contro. «In Spagna ci danno dei furbetti, non sappiamo cosa gli abbiamo fatto. Dicono che è tutto truccato? Vabbè...», dicono senza farsi troppo coinvolgere dalla querelle i due ragazzi, che per ora non hanno nuovi progetti insieme, anche per gli impegni che li portano in giro per l’Italia e per l’Europa. Ed è questo l’obiettivo che vogliono consolidare. «Gli italiani cercano l’Eurovision per fare sentire la propria musica all’estero, noi vorremo che succedesse senza passare per forza da lì. Ci vuole tempo, ma ce la faremo», dice Blanco.

«Brividi», quadruplo disco di platino con oltre 110 milioni di stream, è stato il brano più ascoltato di sempre in un giorno su Spotify Italia con oltre 3 milioni 300mila stream nelle prime 24 ore dalla pubblicazione ed è stato il più alto debutto di sempre per una canzone italiana alla posizione n.5 nella classifica global della piattaforma. E domani uscirà anche un remix del brano dei Meduza, il trio di producer italiani multiplatino nominati ai Grammy più famoso al mondo che ha scalato le classifiche globali. Mahmood & Blanco sono i primi artisti italiani con cui i Meduza lavorano dopo le ultime collaborazioni con star internazionali come Ed Sheeran e Florence + The Machine.
Mahmood proseguirà la tournée nei club italiani, poi dal 7 luglio via il «Ghettolimpo Summer Tour». Il Blu Celeste Tour di Blanco - sold out con oltre 300.000 biglietti venduti in poche ore - riprenderà facendo tappa nelle città italiane.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook