Martedì, 16 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Sanremo

Home Foto Sanremo Festival di Sanremo, ecco tutti i titoli delle canzoni. I tre "giovani big" sono Yuman, Tananai e Romano

Festival di Sanremo, ecco tutti i titoli delle canzoni. I tre "giovani big" sono Yuman, Tananai e Romano

Si intitola «Ogni volta è così» il brano che Emma porterà al Festival della Canzone Italiana di Sanremo, l’annuncio durante la serata finale di Sanremo Giovani; l’ex «Amici di Maria De Filippi» torna in gara per la terza volta, nel 2011 era in gara con i Modà, si classificarono secondi con «Arriverà», tornò all’Ariston l’anno dopo con «Non è l’inferno» e vincendo. Nel 2015 invece la giudice di X-Factor è stata voluta da Carlo Conti per accompagnarlo nella conduzione dell’evento.

Da Massimo Ranieri ad Achille Lauro e Sangiovanni

Il brano che ha scelto di cantare al Festival Massimo Ranieri si intitola «Lettera aldilà del mare», per il cantante e attore napoletano sarà la settima volta in gara, indimenticabile l’edizione del 1988 che vinse con «Perdere l’amore», brano che è diventato un classico del pop italiano e che Ranieri due anni fa ha cantato al Festival, in qualità di super ospite, in duetto con Tiziano Ferro. Sangiovanni è invece un esordiente e canterà «Farfalle», è uno dei due concorrenti della scorsa edizione di «Amici di Maria De Filippi» che Amadeus ha convocato tra i Big; subito dopo la chiusura del talent ha pubblicato diverse hit, in particolare «Malibu» risulta essere il brano più ascoltato nel 2021 su Spotify.

Iva Zanicchi è tra le più esperte del Festival di Sanremo, per lei si tratta dell’undicesima volta in Liguria, senza contare il 2001, quando figurava nella giuria di qualità; ha vinto ben tre volte: nel 1967 con «Non pensare a me», nel 1969 con «Zingara», che rappresenterà il suo cavallo di battaglia, e nel 1974 con «Ciao cara come stai?». L’ultima volta all’Ariston risale al 2009, quest’anno canterà «Voglio amarti». Quarta presenza consecutiva al Festival per Achille Lauro, il performer romano, dopo essere stato in gara nel 2018 con «Rolls Royce», uno dei pezzi più riascoltati dal pubblico nei mesi successivi alla kermesse, e nel 2019 con «Me ne frego», tornò all’Ariston l’anno scorso come ospite fisso, mettendo in scena dei «quadri», una sorta di rappresentazione scenica di sue hit; quest’anno torna in gara accompagnato dal coro gospel di Harlem con «Domenica». Aka 7even è un finalista di «Amici di Maria De Filippi», con il singolo «Loca» ha conquistato l’estate dei tormentoni e ha collezionato ben tre dischi di platino; al Festival di Sanremo canterà «Perfetta così». Michele Bravi si è imposto al grande pubblico invece grazie alla vittoria alla settima edizione di «X-Factor"; nel 2017 partecipa al Festival di Sanremo con «Il diario degli errori», brano che si classifica al quarto posto. Nel 2018 rimane coinvolto in un incidente stradale le cui conseguenze lo tengono lontano dai riflettori per un paio d’anni; torna nel 2020 con l’album «La geografia del buio», la title track, come confessato dallo stesso Bravi, è stato rifiutato al Festival, dove però è già tornato durante la serata dei duetti del 2021 per accompagnare Arisa in «Quando» di Pino Daniele. Al festival canterà «L'inverno dei fiori».

Gianni Morandi e Mahmood

L’annuncio arriva durante la serata finale di Sanremo Giovani: si intitola «Apri tutte le porte» il brano che Gianni Morandi porterà in gara al Festival di Sanremo e l’ha scritta per lui l’amico Jovanotti; una collaborazione che si rinnova dopo «L'allegria», la canzone proposta in vista dell’estate 2021. Per il cantante bolognese si tratterà della settima volta in gara da cantante, una collezione di Festival che prevede una sola vittoria, insieme a Umberto Tozzi ed Enrico Ruggeri nel 1987, il brano in questione è «Si può dare di più», che entrerà nella storia della kermesse e più in generale della musica italiana; per lui anche due edizioni in qualità di direttore artistico e conduttore.

Ana Mena canterà «Duecentomila ore», è l’unica straniera in gara, si è fatta un nome in Italia grazie alla partecipazione a diversi tormentoni estivi in coppia con artisti italiani: «D’estate non vale» e «Una volta ancora» con Fred De Palma, «A un passo dalla luna» e «Un bacio all’improvviso» con Rocco Hunt. Elisa torna al Festival vent'anni dopo l’esordio sul palco dell’Ariston, da lì partì la sua carriera quando cantò «Luce (tramonti a nord-est)», scritta per lei da Zucchero, con la quale si aggiudicò anche la vittoria. E’ l’unica Big non presente alla serata finale di Sanremo Giovani in quanto contagiata dal Covid, fortunatamente in forma asintomatica. Quest’anno torna a cantare all’Ariston con «O forse sei tu».

Rkomi è senza dubbio uno dei protagonisti della stagione musicale 2021, il terzo disco della sua carriera, «Taxi Driver», è l’album più ascoltato su Spotify in Italia nell’ultimo anno e anche quello che meglio di tutti gli altri manifesta una felice contaminazione tra rap e pop; al Festival canterà «Insuperabile». Una delle coppie che desta più attesa e curiosità è senza dubbio quella composta da Ditonellapiaga e Donatella Rettore, la prima è una esordiente, non solo al Festival, ancora sta mettendo insieme i primi singoli, che comunque stanno riscuotendo un grande successo, specie di critica; la Rettore è invece un’icona assoluta di stile, della meglio riuscita avanguardia musicale italiana, torna per la quinta volta al Festival in gara, l’anno scorso invece si è esibita in coppia con La Rappresentante di Lista nella serata dei duetti, cantando «Splendido splendente», uno dei suoi maggiori successi. Insieme canteranno «Chimica». Anche Mahmood torna al Festival accompagnato da un esordiente, si tratta però di BLANCO, che è stato uno dei protagonisti assoluti della stagione 2020/2021, il suo «Blu celeste» infatti è uno dei dischi più ascoltati dell’anno; Mahmood torna sul luogo del delitto, lì dove nel 2018, al foto finish, superò Ultimo e Il Volo portandosi a casa la vittoria con «Soldi», che poi divenne una hit mondiale, seconda nella classifica del relativo European Song Contest. Il titolo del brano che porterà insieme a BLANCO in gara al Festival viene dato durante la finale di Sanremo Giovani, che è esattamente il punto di partenza di Mahmood nella sua cavalcata alla vittoria; il pezzo che canterà insieme al giovanissimo BLANCO è «Brividi». Giusy Ferreri torna a Sanremo per la quarta volta, i suoi precedenti non sono felicissimi, nel 2011 si classifica decima, nel 2014 nona, nel 2017 viene eliminata in semifinale, ma trova una fortunatissima scia di tormentoni estivi come «Roma-Bangkok», «Jambo» e «Amore e capoeira"; la canzone scelta da Amadeus si intitola «Miele». Giovanni Truppi rappresenta la quota indie al Sanremo 2022, una quota l’anno scorso ben più nutrita; cantautore raffinato e particolarmente caro alla critica, al festival suonerà «Tuo padre, mia madre, Lucia»

Tutti i titoli delle canzoni del Festival di Sanremo

Emma - Ogni volta è così
Massimo Ranieri - Lettera al di là del mare
Sangiovanni - Farfalle
Iva Zanicchi - Voglio amarti
Achille Lauro - Domenica
Aka 7even - Perfetta così
Michele Bravi - Inverno dei fiori
Gianni Morandi - Apri tutte le porte
Ana Mena - Duecentomila ore
Elisa - O forse sei tu
Rkomi - Insuperabile
Ditonellapiaga con Rettore - Chimica
Mahmood & Blanco - Brividi
Giusy Ferreri- Miele
Giovanni Truppi - Tuo padre, mia madre, Lucia
Fabrizio Moro - Sei tu
Highsnob &HU - Abbi cura di te
Irama - Ovunque sarai
La rappresentante di lista - Ciao Ciao
Noemi - Ti amo non lo so dire
Dargen D’Amico - Dove si balla
Le Vibrazioni - Tantissimo

Ecco chi sono i tre vincitori di Sanremo Giovani

A questi si aggiungono i tre giovani vincitori di Sanremo Giovani: sono Yuman, Tananai e Matteo Romano i tre artisti vincitori di Sanremo Giovani che conquistano così la promozione tra i Big del prossimo Festival, dall’1 al 5 febbraio. Yuman ha cantato Mille Notti, Matteo Romano il brano Testa e croce, Tananai ha convinto con Esagerata.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook