Domenica, 09 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Foto Sport Manchester United-Milan, che fine ha fatto l'ultima formazione che eliminò i Red Devils FOTO

Manchester United-Milan, che fine ha fatto l'ultima formazione che eliminò i Red Devils FOTO

Il 2 maggio del 2007 la squadra di Ancelotti completava "la partita perfetta" superando 3-0 il Manchester United, prossimo avversario di Europa League. Fu l'ultimo Milan a battere i red devils (incrociati anche nel 2009-10). Ma dove sono oggi quei giocatori? Ben sette sono diventati allenatori, ma ci sono anche dirigenti, ambasciatori, preparatori e anche un politico.

LA FORMAZIONE - Dida; Oddo, Nesta, Kaladze, Jankulovski; Ambrosini, Pirlo, Gattuso; Kakà, Seedorf; Inzaghi. A guidare la squadra Carlo Ancelotti. Dalla panchina entrarono Gilardini, Cafu e Favalli. Sotto la pioggia di San Siro si giocava il ritorno della semifinale di Champions 2006-07. All'andata 3-2 United...

Ma dove sono oggi i giocatori che completarono quell'impresa?

DIDA - Le sue mani su una conclusione mancina dal limite di Giggs, a bloccare uno dei pochi pericoli creati dallo United quel giorno. Attualmente è nello staff di Pioli come allenatore dei portieri.

MASSIMO ODDO - Arrivò in quel Milan a gennaio, diventando un titolarissimo. Ha scelto la via della panchina: attualmente è senza squadra, l'ultima avventura col Pescara (terminata nel novembre 2020)

ALESSANDRO NESTA - Pilastro della difesa, principalmente in coppia con Maldini (infortunato quel giorno e oggi, come noto, Direttore dell'area tecnica rossonera). Anche lui oggi allena: il Frosinone in B (è attualmente decimo in campionato). 

KAKHABER KALADZE - Senza Maldini, giocò lui al centro della difesa insieme a Nesta. Dal 2012 è in politca: è stato deputato del Parlamento della Georgia e Ministro dell'Energia. Dal 2017 (tuttora in carica) è sindaco della capitale Tiblisi. 

MARERK JANKULOVSKI - Il terzino titolare di quella squadra poi campione d'Europa. Dopo il calcio giocato è diventato direttore sportivo, dal 2018 al 2020 nel Banik Ostrava, la sua prima squadra di sempre da calciatore. Dall'estate del 2020 ne è diventato Presidente del consiglio di sorveglianza

MASSIMO AMBROSINI - Cuore del centrocampo di quel Milan. Suo l'assist a Gilardino per il tris. Come noto, fa parte della famiglia di Sky Sport. 

ANDREA PIRLO - Regista di quel Milan. Come noto anche in questo caso, è l'allenatore della Juve. 

GENNARO GATTUSO - La sua partita in costante raddoppio insieme a Oddo sul giovane CR7 fu perfetta. Anche nel suo caso il presente è risaputo: allena il Napoli. 

CLARENCE SEEDORF - L'uomo che le partite importanti le sbagliava raramente. Non certo quella contro il Manchester, fu suo il gol del raddoppio. Attualmente non allena ma ha guidato diverse squadre in panchina. In primis il Milan, ma anche Shenzen in Cina, Deportivo e - fino al 2019 - il Camerun. È uno degli ambasciatori di Euro 2020

KAKÁ - "L'extraterreste", lo definì Maurizio Compagnoni in telecronaca quella sera. Due gol all'andata e uno al ritorno che valsero il Pallone d'Oro. E oggi? A ritiro avvenuto aveva annunciato la volontà di diventare dirigente (tanto che una sua vista a Casa Milan nel 2017 accese l'entusiasmo dei tifosi per un suo possibile ritorno). Non ha però ancora intrapreso quella via. Lo si è visto spesso in partite di beneficenza, ed è ambasciatore Fifa: è stato lui a portare la coppa in campo nell'ultimo Mondiale per Club vinto dal Bayern.

FILIPPO INZAGHI - Nessun gol quella sera. Si rifarà con la doppietta decisiva nella finale contro il Liverpool. Anche lui allena, e anche lui ha allenato il Milan come Gattuso e Seedorf. Attualmente guida il Benevento.

ALBERTO GILARDINO - Suo il gol del 3-0 del punto esclamativo. Anche lui è un allenatore: guida il Siena in Serie D (è settimo nel girone E).

CAFU - Entrò a partita in corso contro il Manchester. Anche lui è rimasto legato al mondo del calcio spesso come ambasciatore. Lo è del Mondiale 2022 in Qatar .

GIUSEPPE FAVALLI - Terzo innesto quel giorno. Lui, invece, si è allontanato dal mondo del calcio, ma non rinuncia mai a una rimpatriata (epoca pre Covid) con le vecchie glorie rossonere. 

CARLO ANCELOTTI - Il condottiero di quel Milan poi campione d'Europa. E anche lui allena ancora, come noto l'Everton in Premier League. 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook