Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Tokyo 2020

Home Foto Tokyo 2020 Tokyo 2020, Jacobs infinito! Ecco chi è il campione olimpico dei 100 metri

Tokyo 2020, Jacobs infinito! Ecco chi è il campione olimpico dei 100 metri

Era il mio sogno da bambino: ho corso più che potevo. Ora non vedo l'ora di sentire l'inno di Mameli domani». Così, ai microfoni di RaiSport, Marcell Jacobs medaglia d’oro nei 100 metri delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Olimpiadi Tokyo 2020, Jacobs che cosa hai fatto!?! Oro nei 100 metri con 09"80!

L'Italia dell'atletica si riscopre... multietnica: non solo il texano Jacobs. Ecco chi può far sorridere ancora FOTO

La mamma: "La vita di Marcell é stata un grande sacrificio"

«La vita di Marcell è stata un grande sacrificio. È vissuto senza padre e gli ho fatto da papà e mamma. Ha superato tante difficoltà e ora si merita tutto». Sono le prime parole della mamma di Marcell Jacobs, campione olimpico nei cento metri. «Avevo buone sensazioni dopo che avevo trascorso un mese con lui e i suoi fratelli a Tenerife. Da quel
periodo sono cambiati i suoi progetti ed è arrivato alla vittoria di oggi», ha aggiunto mamma Viviana che ha seguito la gara con altri parenti e amici dall’albergo di proprietà sulla sponda bresciana del lago di Garda. «Avevo detto che era il nuovo Bolt. Lo ha dimostrato, è il più veloce».

Chi è Marcell Jacobs

Marcell Jacobs è nato ad El Paso (Usa) il 26 settembre del 1994. Figlio di madre italiana e padre texano (un militare conosciuto a Vicenza). E proprio il padre venne mandato in Corea del Sud pochi giorni dopo la sua nascita e la madre decise di non seguirlo, trasferendosi a Desenzano del Garda quando il figlio non aveva compiuto neanche un mese di vita.

iniziò a familiarizzare con l'atletica leggera all'età di 10 anni partendo prima dallo sprint e poi, a partire dal 2011, con il salto in lungo.

Nel 2013 ha conquistato la migliore prestazione italiana juniores nel salto in lungo indoor con 7,75 m, battendo di un centimetro la vecchia misura di Roberto Veglia, conquistata nel 1976.

Nel 2015 ha polverizzato il suo primato personale indoor con un salto di 8,03 m durante le qualificazioni dei campionati italiani indoor, registrando la quarta migliore prestazione italiana nel salto in lungo indoor, alla pari con Fabrizio Donato (2011). Vince il titolo italiano promesse nel lungo con la misura di 7,84 m e sogna di partecipare alle Olimpiadi di Rio 2016, ma la sua aspirazione viene bloccata da un infortunio al quadricipite femorale sinistro che lo blocca per quasi un anno

Aspira ad andare alle Olimpiadi del 2016, tuttavia si deve fermare per quasi un anno (2015) a causa di una lesione al quadricipite femorale sinistro; per questo motivo pensa di dedicarsi maggiormente alla velocità.

Nel frattempo, dopo essere uscito dal tunnel dell'infortunio, nel 2016 a Bressanone salta con un 8,48 m ai campionati italiani promesse. E' la migliore prestazione di sempre per un italiano, ma il brillante risultato non viene omologato come record italiano in virtù del vento a favore superiore rispetto a quello previsto dal regolamento.

Ai campionati italiani juniores e promesse indoor (Ancona), nel febbraio 2017, migliora ancora  il suo limite indoor con 8,07 m.

Da qui, inizia il percorso di Jacobs con la velocità e nel 2018 ai campionati societari di Campi Bisenzio in Toscana tocca il quinto miglior tempo assoluto italiano di sempre correndo i 100 metri in 10"12.

Sempre nel 2018 al meeting di Savona miglior il suo tempo correndo in  10"08. I risultati migliorano ancora nel 2019 quando il 16 luglio, durante il meeting Città di Padova migliora il proprio record personale correndo i 100 metri in 10"03. E' il terzo tempo in assoluto migliore per un italiano e Jacobs si piazza alle spalle di Tortu (9"99) e Mennea (10"01). Ai Mondiali di Doha di settembre dello stesso anno corre in 10"07 in batteria.

Pochi mesi fa, il  6 marzo scorso conquista la medaglia d'oro nei 60 metri piani agli Europei indoor di Toruń in Polonia con il tempo di 6"47, nuovo record italiano e miglior prestazione mondiale stagionale.

Il record dei 100 metri al meeting di Savona

Il 13 maggio scorso corre al meeting di Savona, stabilendo in batteria il nuovo record italiano dei 100 metri  con il tempo di 9"95 (+1,5 m/s). Diventa così il secondo italiano, dopo Filippo Tortu, ad infrangere la barriera dei 10 secondi.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook