Sabato, 28 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa Festa dell'Europa davanti a sfida storica pandemia

Festa dell'Europa davanti a sfida storica pandemia

News
Festa dell'Europa davanti a sfida storica pandemia

(di Matteo Miglietta)
(ANSA) - BRUXELLES, 09 MAG - Dopo settimane di dibattiti su Mes e Recovery fund, davanti alla crisi più grave dal Dopoguerra l'Europa prova a guardare al futuro ripartendo dai suoi valori fondativi e dalla dichiarazione con cui l'allora ministro degli esteri francese, Robert Schuman, il 9 maggio di 70 anni, fa pose le fondamenta del processo d'integrazione. "Solidarietà" è stata la parola più usata nella giornata che, oltre a celebrare la Festa dell'Europa, avrebbe dovuto segnare l'apertura della Conferenza sul futuro dell'Unione. "Ma con la crisi del Covid-19 possiamo considerare aperto il processo di discussione, perché dalle decisioni che prenderemo in questi mesi dipenderà anche il futuro del progetto europeo", ha sottolineato il presidente del Parlamento Ue, David Sassoli.

L'evento da lui organizzato a Bruxelles ha messo al centro la società civile europea, ma ha provocato gli attacchi di Lega e Fratelli d'Italia per l'invito fra gli oratori di Luca Casarini, capo missione in mare della ong Mediterranea Saving Humans ed ex leader del movimento no-global italiano. Polemiche a parte, la prima giornata dell'Europa festeggiata 'a distanza' ha avuto al centro messaggi di speranza per il futuro. "Se rimaniamo uniti nella solidarietà e con i nostri valori, allora l'Europa potrà emergere anche questa volta dalla crisi, più forte di prima", hanno scritto in una lettera congiunta Sassoli e i presidenti del Consiglio europeo e della Commissione Ue, Charles Michel e Ursula von der Leyen. Una solidarietà messa in luce anche dal premier Giuseppe Conte, che insieme allo spirito di unità la ritiene necessaria per "superare insieme la crisi del coronavirus e preservare il progetto europeo".

"È ora la volta, ineludibile, del rafforzamento della solidarietà politica dell'Unione", ha sottolineato anche il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, mentre papa Francesco ha augurato che la dichiarazione di Schuman "continui a ispirare quanti hanno responsabilità nell'Unione europea, chiamati ad affrontare in spirito di concordia e di collaborazione le conseguenze sociali ed economiche della pandemia". E in Italia c'è anche chi, come +Europa, chiede che il 9 maggio diventi una festa nazionale. I giorni a venire saranno decisivi per comprendere quanto la solidarietà tanto invocata si tradurrà nella pratica: il 12 maggio si riunirà il board dei governatori del Mes per dare il via libera all'accordo dell'Eurogruppo, mentre è ancora da chiudere la partita sul regolamento di Sure, il nuovo strumento a supporto della cassa integrazione che, come il Mes, dovrebbe partire a giugno. Entro fine mese la Commissione dovrebbe poi svelare la sua proposta sul bilancio Ue 2021-27 rafforzato, che conterrà anche il Recovery fund. Mentre l'arrivo dell'estate potrebbe far aumentare le partenze dalle coste libiche e rimettere la questione migratoria fra le priorità dell'agenda europea.

 

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook