Mercoledì, 29 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Europa

Home Europa Dalla pandemia la spinta a un nuovo modello industriale

Dalla pandemia la spinta a un nuovo modello industriale

News
Dalla pandemia la spinta a un nuovo modello industriale

BRUXELLES - La pandemia ha reso evidente l'importanza di alcune filiere del manifatturiero per il buon funzionamento della città, un tipo di industria che serve ai grandi centri urbani nei suoi bisogni primari.

È quanto emerge dal progetto Mista, realizzato dal programma di cooperazione europeo Espon, specializzato in analisi regionali. Il progetto, dedicato allo studio dei rapporti tra aree urbane e industria, ha messo in luce alcune delle sfide e dei vantaggi delle filiere di produzione locali, osservando l'impatto del Covid-19 sul lavoro, sull'industria locale e sulle politiche urbane nelle città di diversi paesi dell'Ue.

La pandemia, osservano i ricercatori, ha spinto la società a reagire e riorganizzarsi in base alla distanza e all'isolamento. Le città hanno cercato così di accogliere una nuova idea di prossimità per contenere la diffusione del coronavirus.

"C'erano già dei segnali prima della pandemia, basti pensare al tema dell'economia circolare, delle filiere corte, dell'industria che costruisce esperienze, che permette il funzionamento quotidiano dei consumi e dei servizi della popolazione", spiega Valeria Fedeli, docente di pianificazione e politiche urbane al Politecnico di Milano. "La presenza di questo tipo di industria, che cercava le aree urbane ancor prima della pandemia, ha reso più resilienti le città all'emergenza sanitaria e al suo impatto sul piano sociale ed economico, un po' come accaduto già con la crisi finanziaria del 2008". "Non è l'industria dell'acciaieria - prosegue Fedeli - ma un'industria in cui sono sempre più sfumati i contorni tra il settore secondario, che produce attività di servizio, identità, stili di vita, piuttosto che semplici merci, e il settore terziario, che dipende da forme avanzate di attività industriali".

La pandemia, inoltre, ha messo in evidenza il ruolo delle tecnologie a sostegno del lavoro e dell'apprendimento a distanza, integrandole ulteriormente nell'organizzazione del lavoro, della vita e del consumo. Tecnologie già disponibili, ma che si sono rivelate cruciali per consentire alle società di adattarsi a misure sanitarie eccezionali. Il modello produttivo urbano del post-pandemia sarà orientato all'innovazione, caratterizzato da una tecnologia che consente la creazione di nuove forme di lavoro e da filiere produttive fortemente integrate e radicate nel contesto locale, oltre che in quello globale.

In quest'ottica, concludono i ricercatori, è cruciale anche il ruolo della governance delle città metropolitane, non solo per sviluppare una politica industriale più adatta alle nuove esigenze, ma anche per sostenere la coesione territoriale e ridurre le crescenti disuguaglianze che attraversano le società.

© Riproduzione riservata

Con il contributo del Parlamento europeo
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook